domenica 27 Settembre 2020
Home Cronaca Dopo l'occupazione arriva la devastazione, raid all'alberghiero Tognazzi

Dopo l’occupazione arriva la devastazione, raid all’alberghiero Tognazzi

POLLENA TROCCHIA. Dopo l’occupazione arriva la devastazione. Nuovo raid vandalico all’istituto alberghiero “Ugo Tognazzi”: estintori svuotati nelle aule della succursale in via Trinchera, al borgo Trocchia nello scorso fine settimana. Lezioni e attività didattiche nuovamente sospese.

Rientrati invece gli ottocento alunni della sede principale dell’istituto che ha sede in viale Europa. 
Oggi primo giorno di lezione per questi ultimi dopo una settimana spesa tra l’occupazione degli studenti e le successive attività necessarie per la pulizia delle classi dopo il pernottamento di decine di ragazzi. “Okkupata” era scritto sullo striscione ai cancelli dell’alberghiero reintitolato all’attore nonché chef, Ugo Tognazzi. Una sigla che ha tenuto bandiera per circa una settimana, dallo scorso lunedì 23 novembre quando, da alcune classi dell’ultimo biennio, è partita la rivolta che inneggiava all’occupazione della scuola. Un modo “storico” che si rinnova dalla notte dei tempi per dare voce alle proteste, ai diritti negati agli studenti: partendo spesso dalle condizioni precarie – a detta dei manifestanti – in cui devono svolgere le regolari lezioni, fino alla madre di tutte le proteste studentesche, ovvero, la riforma della scuola. Che non va mai bene, non a tutti almeno. E allora si “occupa”: ci si stabilisce all’interno dell’istituto scolastico 24 ore su 24 vivendo tutti insieme. In quei giorni la regola vorrebbe che vi fossero incontri, dibattiti, discussioni aperte tra studenti ma anche docenti con i quali confrontarsi. Momenti di convivenza intensi molto spesso spesi solo per bivaccare e nel peggiore dei casi a imbrattare mura e corridoi con spray. Il “Tognazzi”, del parco Europa e con esso la succursale in via Stefano Trinchera non hanno avuto grossi danni dopo il passaggio dell’occupazione studentesca, durata appena cinque giorni: alla fine i ragazzi hanno consegnato le chiavi dell’istituto, pacificamente, al loro preside, Angelo De Riggi che dirige anche l’agrario in via Argine, il “De Cillis”. Quindi da lunedì mattina sarebbero dovute riprendere a pieno regime tutte le attività didattiche che avevano già subito un altro stop di una decina di giorni – tra il 9 e il 10 novembre – a causa di un raid con i topolini liberati nella sede principale e con gli estintori nella succursale. E invece le settimane di lezioni perse non sono sembrate sufficienti, almeno non a quelli che frequentano le classi in via Trichera dove, nella notte tra sabato e domenica, ignoti dopo essersi introdotti nella scuola hanno svuotato di nuovo il contenuto degli estintori nelle classi. Le polveri estinguenti rilasciate dai dispositivi antincendio potrebbero causare fastidi o reazioni allergiche e dunque le attività didattiche sono state sospese per diversi giorni. Il dirigente De Riggi ha convocato gli operatori della Asl competente per le 
opportune verifiche che lasciano poco spazio di riflessione: “Siamo nuovamente costretti a sospendere le lezioni alla sede secondaria – dice il dirigente – finché il nostro personale non avrà provveduto al ripristino”. Visibilmente amareggiato il preside ha deciso ottenere un finanziamento per l’installazione di un opportuno sistema di allarme anche alla succursale. “Un peccato perché questi soldi potevano servire per offrire altri servizi ai nostri studenti”, ha concluso De Riggi. 


di Patrizia Panico fonte Il Mattino area sud-costiera

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Covid. L’incubo di una famiglia di Cisterna: “Da giorni attendiamo risposte”

CASTELLO DI CISTERNA. Una vera e propria Odissea quella che sta vivendo una famiglia residente a Castello di Cisterna; mamma, papà e bimbi sono...

Bimbi al sicuro. Sequestrati 35mila articoli dannosi, 11 denunciati

Ottaviano. Garantire che i prodotti usati a acuola dai bambini siano sicuri, con questo scopo i Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Anziana derubata dalla badante. I preziosi ritrovati nel frigo

PORTICI. I carabinieri della Stazione di Portici hanno denunciato per furto aggravato una 41enne di origine romena. La donna badante di una 85enne, solo...

Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” a S.Vitaliano

SAN VITALIANO. Nell’auditorium di San Vitaliano (NA) si svolgerà sabato 26 Settembre 2020, a partire dalle ore 18:00, la settima edizione del prestigioso Premio...

Saviano. Covid, focolaio alla Casa di Riposo. L’intervento dell’Asl

SAVIANO. A seguito del ricovero presso l’ospedale di Nola di un’ospite per un sospetto attacco ischemico transitorio (tia), avvenuto lo scorso 17 settembre 2020,...
- Advertisment -