mercoledì 21 Aprile 2021
HomeCronacaDroga, all'uscita della stazione la dose è servita. Pusher in manette

Droga, all’uscita della stazione la dose è servita. Pusher in manette

ACERRA. La piazza di spaccio era strategica: all’uscita della stazione la dose è servita. Un posto centrale per avvicinare ogni sorta di clientela, dal ragazzino all’adulto, e, inoltre, un posto accanto alla via di fuga in caso di necessità. Ma ieri sera il pusher non ce l’ha a scappare ed è finito in manette.

I poliziotti del Commissariato di Acerra hanno arrestato Angelo Morgillo 21enne di Acerra, per essersi reso responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.
Ieri sera, i poliziotti a seguito di attività investigativa sono intervenuti in nel piazzale antistante la stazione ferroviaria, Piazzale Russo Spena.

Giunti sul posto, in appostamento, i poliziotti hanno notato che il 21enne seduto su una panchina, da solo dopo essere stato avvicinato da un giovane acquirente, in cambio di una banconota da dieci euro, gli ha consegnato la dose di marijuana richiesta.

Immediatamente intervenuti, gli agenti hanno bloccato l’acquirente e lo spacciatore soprannominato“o Locc”.

A seguito di un controllo, i poliziotti hanno recuperato la dose di marijuana appena acquistata dal giovane acquirente e la somma di 65 euro che il 21enne custodiva nelle tasche dei pantaloni.

Il tutto è stato sequestrato.

Gli agenti hanno bloccato Morgillo che nella giornata di domani sarà giudicato con il rito direttissimo.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti