domenica 25 Luglio 2021
HomeComunicati stampaEconomia, Confapi jr: Stati generali? Solo “ammuina”

Economia, Confapi jr: Stati generali? Solo “ammuina”

Napoli. Il presidente Massimo Di Santis: servono liquidità e burocrazia zero

– «La convocazione degli Stati generali dell’economia, promossi dal premier Giuseppe Conte, rischia di creare ulteriore “ammuina” in un momento storico in cui sono necessarie chiarezza, rapidità di esecuzione e decisioni ben salde».

A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«L’economia italiana ha bisogno di liquidità e di sburocratizzazione, non di altre generiche considerazioni tecniche che non affondano mai in profondità nel cuore dei problemi».

Per Di Santis, «gli Stati generali dell’economia, con un Pil in caduta e situazioni di difficoltà oggettiva dal punto di vista imprenditoriale e occupazionale, sono solo il tentativo di nascondere sotto tonnellate di carte di buoni propositi la difficoltà del Governo di affrontare la crisi che ci investirà nei prossimi mesi».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti