venerdì 19 Luglio 2024
HomeComunicati stampaEmergenza rifiuti, tra Brusciano e Somma la protesta dei cittadini

Emergenza rifiuti, tra Brusciano e Somma la protesta dei cittadini

BRUSCIANO – Sul confine tra Brusciano e Somma Vesuviana una protesta di anonimi cittadini ha provocato l’incendio di un grosso cumulo di rifiuti.
Tutto è successo nella notte tra il 25 ed il 26 giugno quando una pattuglia di dell’Associazione Europea Operatori Polizia, nel corso della vigilanza ambientale, come previsto nella convenzione del Comune di Brusciano, transitando su Via De Ruggiero ha rilevato l’incendio di un cumulo di rifiuti ed impedimento del traffico veicolare.
All’altezza del Campo sportivo comunale di Brusciano, verso il confine con Somma Vesuviana vi era stata in tarda serata la manifestazione di protesta di un gruppo di anonimi cittadini.
Sul posto è arrivato il responsabile regionale dell’AEOP, gen. Giovanni Cimmino, che ha poi così raccontato del pronto intervento: “Coadiuvato dal dirigente provinciale Francesco Cerciello abbiamo informato dell’accaduto l’Amministrazione comunale e le Forze dell’Ordine. Sono subito giunte le pattuglie dei Carabinieri di Sant’Anastasia, Castello di Cisterna e Brusciano con l’attivissimo comandante Raffaele Di Donato”.
Prontamente accorso il Vicesindaco dott. Vincenzo Cerciello, accompagnato dal dirigente dell’Ufficio Igiene ed Ecologia, Antonio Giannino, si è prodigato nell’organizzare la rimozione dei rifiuti dalla strada e la messa in sicurezza della stessa, avvenuta alle ore 3.00 del mattino.
Il Vicesindaco Cerciello, in merito all’accaduto, ha dichiarato di “comprendere dal punto di vista umano lo stato di grande disagio dei cittadini, ma certamente non può essere quello il modo di risolvere il problema dei rifiuti. Anzi, considerata l’elevata quantità di diossina che si sprigiona nella combustione incontrollata dei rifiuti, aumentano l’inquinamento ambientale ed i rischi per la salute umana.L’Amministrazione comunale sta affrontando con la massima determinazione questa emergenza, pur tuttavia nulla si può quando l’impianto di CDR presso il quale, per decreto commissariale, si devono conferire i rifiuti, per motivi tecnici o per altro si fermi per diversi giorni”.

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Articoli recenti

Rubriche