giovedì 4 Marzo 2021
Home Attualità Emergenza sangue: l'Aeronautica Militare risponde all'appello dell’Ospedale Cardarelli di Napoli

Emergenza sangue: l’Aeronautica Militare risponde all’appello dell’Ospedale Cardarelli di Napoli

NAPOLI – Giovedì 11 febbraio una rappresentanza del personale dell’Aeroporto Militare Capodichino “Ugo Niutta” ha effettuato una donazione di sangue presso l’Ospedale Cardarelli accogliendo la richiesta del dottor Michele Vacca, direttore del Servizio Trasfusionale dell’Ospedale.

I volontari del Comando Aeroporto Partenopeo sono stati accolti dal personale del Centro Trasfusionale con cordialità e professionalità e, nel rispetto della normativa anti Covid-19, le operazioni di prelievo si sono svolte in tempi ristretti.

Il dottor Vacca ha dichiarato che: “ogni giorno al Cardarelli, il più grande complesso ospedaliero del Mezzogiorno, ci sono più di cento persone che necessitano di una trasfusione causa interventi chirurgici o per altre patologie” inoltre ha poi rassicurato i volontari che: “i percorsi utilizzati per i donatori di sangue sono sicuri e privi di qualsiasi contatto con i pazienti”.

Il Comandante l’Aeroporto di Capodichino, Colonnello Vittorio Vicari, ha sottolineato come “la donazione rappresenti un atto di altruismo e solidarietà che talvolta può salvare una vita. Ho confermato il massimo supporto all’iniziativa – aggiunge il Comandante Vicari – dando seguito al desiderio di solidarietà del personale, perfettamente in linea con i compiti istituzionali della Forza Armata incessantemente al servizio del Paese e della collettività”.

Il Comando Aeroporto Militare “Ugo Niutta” di Napoli – Capodichino, a suo tempo progettato e costruito per divenire la sede dell’Accademia Aeronautica, poi base operativa del 4° Stormo e della 4a Aerobrigata Intercettori, nonché del 86° Gruppo AntiSom, assicura oggi supporto logistico a diversi Enti ivi ubicati (5° Gruppo Manutenzione Velivoli, Ufficio Tecnico Territoriale di Napoli della Direzione Armamenti Aeronautici per la Aeronavigabilità, 6° Reparto Volo della Polizia di Stato, Sezione Aerea della Guardia di Finanza, Unità cinofila della Guardia di Finanza) ed alla base della Marina Militare Statunitense (U.S. Naval Support Activity) nei confronti della quale garantisce l’esercizio della sovranità nazionale, sovrintende all’applicazione degli accordi bilaterali relativi alla presenza dei reparti USA stanziali o rischierati sull’aeroporto, supervisionandone l’attività di volo e operativa, e funge da elemento di collegamento con le Autorità nazionali a livello locale. Il Comando Aeroporto Capodichino è anche hub logistico a favore del Raggruppamento Campania dell’E.I. nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”. Inoltre, nell’ambito dei servizi alla collettività, fornisce supporto di linea volo 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a voli militari e di Stato, nonché a quelli per il trasporto aereo sanitario di organi e di pazienti bisognosi di cure urgenti, spesso in imminente pericolo di vita.

Aeronautica Militare: Comando Aeroporto di Capodichino “Ugo Niutta”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti