venerdì 25 Giugno 2021
HomeCronacaErcolano. Prostituzione in un centro massaggi: scatta il divieto di dimora

Ercolano. Prostituzione in un centro massaggi: scatta il divieto di dimora

ERCOLANO. Giro di prostituzione nel centro massaggi, divieto di dimora per un 41enne di origini ucraine.

I carabinieri della Tenenza di Ercolano hanno eseguito un’ordinanza cautelare di divieto di dimora nella provincia di Napoli, emessa dal Tribunale su richiesta della Procura partenopea nei confronti di un 41enne di origini ucraine già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo, ritenuto responsabile di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione era gestore di un centro massaggi di Ercolano, nel quale “reclutava” uomini e donne che offrivano ai clienti prestazioni sessuali in cambio di denaro, con costi variabili tra i 60 e i 100 euro. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il 41enne riscuoteva una percentuale sugli incassi ottenuti dalle prestazioni sessuali offerte dai “dipendenti” che attiravano la clientela con annunci on line corredati da foto erotiche e riferimenti impliciti sulle attività del centro massaggi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti