giovedì 2 Dicembre 2021
HomeCronacaFalsi a S. Giuseppe e Napoli. Sequestrati 87.000 articoli, 12 denunce e...

Falsi a S. Giuseppe e Napoli. Sequestrati 87.000 articoli, 12 denunce e 1440 capi in beneficenza

Egea - Black Friday

San Giuseppe vesuviano.Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sottoposto a sequestro, nel corso di una serie di interventi eseguiti tra il capoluogo e i comuni limitrofi, oltre 87.000
articoli recanti marchi contraffatti e due opifici, denunciando 12 soggetti.
In particolare, nel corso di un primo intervento, i “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego,nel quartiere Arenaccia, hanno scoperto un laboratorio clandestino e sottoposto a sequestro oltre 4400 capi di abbigliamento contraffatti o privi di marchio.
I militari infatti, in riscontro ad una segnalazione pervenuta al numero di pubblica utilità “117”, su attivazione della Sala Operativa, hanno fermato in via Ponte di Casanova, un’autovettura sospetta e hanno verificato che all’interno erano occultati in buste di cellophane diverse centinaia di articoli privi di documentazione amministrativo-fiscale di supporto.
Le successive perquisizioni condotte presso l’abitazione, un edificio indipendente che si
sviluppa su tre piani, hanno portato alla luce una “fabbrica del falso”, attrezzata con
termopresse, per l’apposizione dei marchi e utilizzata come deposito di capi semilavorati e
già confezionati pronti per la vendita. Denunciata all’Autorità Giudiziaria una responsabile per contraffazione e ricettazione.
Gli stessi Baschi Verdi, a San Giuseppe Vesuviano, hanno scoperto un’altra “fabbrica del falso”, all’interno della quale sono stati rinvenuti numerosi rotoli di tessuto di noti marchi contraffatti, destinati perlopiù ai bambini e pronti per essere lavorati ed utilizzati per la produzione di prodotti tessili, come tendaggi, cuscini o borse. La titolare è stata segnalata all’Autorità Giudiziaria per contraffazione e ricettazione.
Sempre una pattuglia di “Baschi Verdi” di Napoli, nel quartiere Stella-San Carlo all’Arena, mentre transitava in viale Farnese, notava la presenza di alcuni soggetti che maneggiavano delle buste contenenti capi d’abbigliamento all’interno di un box auto.
Il successivo controllo ha permesso di sequestrare su scaffali, in scatole, pronti per essere imbustati, 3100 scarpe, cinture, giubbini, cappelli, borselli, calzini con marchi contraffatti. Al
termine dell’intervento sono stati denunciati tre responsabili. Il Gruppo di Frattamaggiore, nel corso di nove distinti interventi condotti nei comuni a nord di Napoli, ha sequestrato quasi 80.000 articoli contraffatti, tra cui borse, tute, calzature e profumi riconducibili a case di alta moda, denunciando 7 responsabili. Su autorizzazione del Tribunale di Nola, sono stati anche consegnati alla Protezione Civile della Regione Campania, presso i loro magazzini, 1440 jeans sequestrati nell’ambito di una
pregressa operazione condotta dalla Compagnia di Casalnuovo di Napoli.
I capi di vestiario, ai quali è stato rimosso il marchio, contraffatto, di note griffe di moda, sono, infatti, di buona fattura e possono quindi essere devoluti ai più bisognosi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti