domenica 25 Settembre 2022
HomeCronacaFalso invalido faceva il pizzaiolo e guidava lo scooter VIDEO

Falso invalido faceva il pizzaiolo e guidava lo scooter VIDEO

MONTE DI PROCIDA. Percepiva una pensione di invalidità con accompagnamento oltre alla pensione di reversibilità del padre defunto in quanto risultava “totalmente inabile al lavoro” ed invece era un falso invalido: faceva il pizzaiolo e guidava uno scooter.

Scoperto dalla guardia di finanza e denunciato dovrà restituire 320 mila euro ottenuti negli anni ingiustamente. Protagonista di questa vicenda G.T., persona di circa 50 anni, abitante in Monte di Procida. Questa mattina gli è stato sequestrato, in via preventiva, un immobile. Gli accertamenti dei finanzieri hanno permesso di accertare che l’uomo, pur dichiarando di essere totalmente incapace di muoversi in autonomia, guidava da solo un motociclo e andava a lavorare in un ristorante, conducendo una vita “assolutamente normale”, come hanno sottolineato gli inquirenti, per questo è stato denunciato per truffa aggravata.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti