venerdì 30 Luglio 2021
HomeCultura e SpettacoliFestival del Cabaret, a Pollena trionfa il duo 'I Doppio Senso'

Festival del Cabaret, a Pollena trionfa il duo ‘I Doppio Senso’

Pollena Trocchia. Alla prima edizione de “Il Festival del Cabaret” vince il duo “I Doppio Senso”. Pubblico in visibilio per Bolide e Arteteca.

É il duo “I Doppio Senso” a vincere la prima edizione de Il Festival del Cabaret a Pollena Trocchia, kermesse promossa ed organizzata dall’attore e autore Mino Abbacuccio e Margherita Manno. Abbacuccio direttore artistico della manifestazione è riuscito a portare sul palco, non con poche difficoltà, giovani talenti che hanno partecipato ad una sana competizione. Sei finalisti che si sono sfidati davanti ad un pubblico caloroso ieri sera ed a vincere la somma di 300 euro e l’accesso al “Marateatro Festival Maratea Smile” il frizzante duo che ha eseguito un testo ispirato alla celebre lettera a Savonarola, scritta da Massimo Troisi e Roberto Benigni nel film “Non ci resta che piangere”. Questa volta però ad essere il destinatario della “particolare missiva” il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Il secondo posto è andato a Vanna Napolano che ha interpretato il monologo di un’influencer casalinga, mentre la “medaglia di bronzo” è andata a Mattia D’Ambrosio con un testo cui musa ispiratrice la zia 90enne.

Non ce l’hanno fatta a salire sul podio: Tommy Mellone, Gerardo Mosiello e Alfredo Pezzella che hanno comunque fatto divertire il pubblico con le loro originali esibizioni.  La conduzione del festival è stata affidata alla giovane e bella presentatrice Federica Guadagno. Premiato fuori concorso come giovane promessa il piccolo e simpaticissimo Gino Fusco. Sul palco ospiti che hanno mandato in visibilio il pubblico: Alessandro Bolide e gli Arteteca, che dietro le quinte hanno dichiarato la loro felicità a ritornare a fare spettacoli in presenza, dopo il duro periodo di assenza dalle piazze a causa della terribile pandemia di coronavirus. «É bello ripartire da Pollena Trocchia» commenta Bolide: «passeremo l’estate nelle piazze e nei villaggi turistici dove cercheremo di far divertire il pubblico». Gli Arteteca hanno poi rivolto un pensiero ai nuovi talenti del cabaret, Enzo chiarisce: «Non è importante vincere ma esserci, partecipare». Monica poi continua: « É bello che ci siano ancora dei ragazzi che vogliono salire sul palco. Noi viviamo per il rapporto con il pubblico, al di la dei social è bello ritornare live». Per la premiazione accanto ad Abbacuccio sul palco anche il sindaco Carlo Esposito il quale ha patrocinato l’iniziativa che ha visto anche la partnership di numerosi imprenditori locali. «Sono contento della qualità di questo festival, ci sono degli artisti che sicuramente calcheranno palchi importanti perchè amano questo lavoro e questa sera abbiamo dato loro un’opportunità» così il direttore artistico Abbacuccio che ha augurato, poi, per l’anno prossimo una seconda edizione ancora più scintillante.

Clicca per le foto della serata

Leggi anche

Festival del Cabaret, la prima edizione a Pollena Trocchia

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti