domenica 26 Settembre 2021
HomeEconomiaAree rurali. Approvata la graduatoria regionale per il finanziamento dei Gal

Aree rurali. Approvata la graduatoria regionale per il finanziamento dei Gal

oTTAVIANO. La Regione ha approvato le graduatorie per il finanziamento dei gruppi di azione locale GAL e FLAG. Nascono il “Gal Vesuvio Verde” e il “Flag Litorale Miglio d’Oro”.

I due programmi puntano a favorire lo sviluppo integrato delle aree rurali e pongono al centro la cooperazione tra soggetti pubblici e privati. I GAL rientrano nel programma di finanziamento nell’ambito dell’iniziativa comunitaria LEADER +. La sede del “GAL Vesuvio Verde”, che vede la partecipazione di diversi comuni dell’area del vesuviano interno, del Parco del Vesuvio e delle associazioni di rappresentanza del mondo del lavoro e delle imprese, oltre che della società civile, sarà stabilita presso l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, nel Palazzo Mediceo di Ottaviano.

“L’avvio del GAL e del FLAG rappresenta un risultato storico per questo territorio” – dichiara Agostino Casillo, presidente del Parco del Vesuvio. “Sono particolarmente soddisfatto perché, per la prima volta, sul territorio vesuviano si attueranno politiche di sviluppo locale fortemente partecipative. Entrambi i programmi sono stati elaborati attraverso un processo di collaborazione tra Enti pubblici e soggetti privati, tenendo conto delle esigenze e delle specifiche potenzialità del territorio. Questo modello di sviluppo, che mette al centro i territori e rende tutti gli attori protagonisti, è una componente fondamentale del programma di rilancio del Parco del Vesuvio a cui stiamo lavorando da mesi. Per questo ho voluto fortemente che l’Ente facesse parte di entrambi i partenariati: ritengo che il Parco possa essere l’elemento di congiunzione tra l’area interna e quella costiera del territorio vesuviano. L’obiettivo deve essere un progetto di sistema che porti alla crescita ed alla valorizzazione di questa terra.”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti