sabato 24 Settembre 2022
HomeAttualitàGiallo sulle schede elettorali buttate, indagine dei carabinieri

Giallo sulle schede elettorali buttate, indagine dei carabinieri

Somma Vesuviana. Un “giallo” che fa discutere all’indomani dello spoglio che ha portato al ballottaggio per la guida del Comune di Somma Vesuviana i candidati sindaco Pasquale Piccolo e Antonio Granato. Cinque schede elettorali sono state rinvenute ieri mattina da alcuni cittadini su via Circumvallazione, il primo pensiero (assurdo, ma vero) è stato quello di fotografarle e condividerle su Facebook (creando una lunga discussione), come ormai la moda dei social network impone e poi, fortunatamente, di allertare le forze dell’ordine.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della locale stazione che, all’altezza di un vecchio deposito di bibite, hanno rinvenuto, gettate sul marciapiede, le schede in questione. I militari (guidati dal maresciallo Raimondo Semprevivo) hanno accertato che erano tutte valide e utili a votare per le elezioni comunali. Vidimate, timbro e firma erano riconducibili alla sezione n° 28 che si trova nel seggio della scuola via Costantinopoli nel quartiere di Rione Trieste. Le schede rinvenute non risultavano compilate, non riportavano dunque nessuna espressione di preferenza. Bianche e pronte all’uso o allo “scambio”. Una scoperta che ha portato i militari a sequestrare tutta la documentazione relativa al seggio n° 28, che era stata consegnata ieri all’ufficio elettorale comunale e al tribunale civile di Nola. E’ stata aperta un’inchiesta per vedere di far luce su come sia potuta accadere una cosa simile, e soprattutto cercare di capire a cosa servisse portar via da una sezione elettorale delle schede. Potrebbe essere accaduto altrove in città e solo per un caso quelle di via Circumvallazione sono state ritrovate. Il primo pensiero per giustificare il singolare ritrovamento è andato all’ipotesi di brogli, cioè che qualcuno abbia voluto sostituire il voto “fotografato” dal telefonino (quello che di solito si compra, come ci hanno insegnato episodi di cronaca recente) e dunque comprovato con quello del “rientro” della scheda bianca. Un sistema che in pratica funziona così. Un candidato ottiene, tramite componenti del seggio compiacenti, alcune schede già vidimate (quelle che di solito si mettono da parte per fare in modo che i conteggi finali siano precisi) le compila e le consegna agli elettori compiacenti che poi le mettono nell’urna riportando indietro la scheda bianca che gli hanno consegnato al seggio al momento di esprimere la sua preferenza. Non si può, ora, stabilire se sia davvero accaduto questo o ci sia altro dietro a queste schede “migranti”. Intanto, ciò è certo che la sezione 28 è quella in cui votano proprio i residenti del quartiere e dove 562 sono stati i voti validi a fine spoglio, di questi 266 sono andati al candidato sindaco Piccolo, 152 a Granato, 20 al leader del Movimento Cinque Stelle Ciro Sannino e 124 al primo cittadino del centrosinistra Giuseppe Auriemma. Il partito più votato è risultato essere Ncd-Udc con 88 preferenze.
Gabriella Bellini

DA METROPOLIS DEL 28 MAGGIO

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti