venerdì 17 Settembre 2021
HomeAttualitàGiugliano in Campania. Contrasto al lavoro “nero”. Sospesa l'attività di 3 lavanderie

Giugliano in Campania. Contrasto al lavoro “nero”. Sospesa l’attività di 3 lavanderie

GIUGLIANO IN CAMPANIA – I carabinieri della compagnia di Giugliano e del nucleo ispettorato del lavoro di Napoli insieme a personale della polizia municipale e dell’A.S.L. Napoli 2 nord hanno denunciato per violazioni alle norme per la sicurezza nei luoghi di lavoro e per sfruttamento del lavoro “nero” i 3 titolari di altrettante lavanderie industriali di Giugliano in Campania.

Si tratta di un 33enne e un 54enne di Napoli ed una38enne del luogo. I locali delle lavanderie erano stati modificati aggiungendo stanze e tettoie abusivamente. I locali, inoltre, non rispettavano i requisiti di salute e sicurezza previsti dalla legge.

I datori di lavoro, per altro, non avevano redatto il documento di valutazione dei rischi e non avevano mai inviato i loro dipendenti a visita medica.

Le ditte, infine, tenevano alle dipendenze 9 lavoratori su 17 senza contratto. Tutte le attività sono state sospese.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti