mercoledì 25 Novembre 2020
Home Attualità Gli studenti dell'Iti "Majorana" premiati in Giappone

Gli studenti dell’Iti “Majorana” premiati in Giappone

SOMMA VESUVIANA. Il Giappone chiama L’ITI Majorana di Somma Vesuviana risponde.

Gli allievi Cristian Mocerino, Giovanni Carrozza e Artur Maj, coordinati dal docente Ing. Angelo Amelia col supporto del Prof. Paolo Strolin dell’Università Federico II e INFN di Napoli, hanno conquistato in Giappone allo SKYSEF2015 (Shizuoka Kita Youth Science Engineering Form) , il premio speciale della giuria tecnica per la ricerca sul gas radioattivo Radon. Essi hanno monitorato con un rivelatore la presenza e quantità del gas nei locali della scuola, individuando poi delle strategie da adottare per neutralizzarne i pericoli. Nell’ambito del progetto gli allievi hanno anche realizzato una innovativa camera a ionizzazione per la misura del gas radon.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -