domenica 5 Dicembre 2021
HomeAttualitàGori, bollette ancora sospese fino al 28 dicembre. Consumatori in rivolta

Gori, bollette ancora sospese fino al 28 dicembre. Consumatori in rivolta

Gori, bollette ancora sospese: per le ‘partite pregresse ante 2012’ è stata prorogata fino al 28 dicembre. I consumatori di nuovo in rivolta, Codici Campania: “Intervengano le Autorità e l’Antitrust”.

Dopo il rimbrotto dell’Autorità garante e lo stop da parte dell’Ente d’Ambito, la sospensione del pagamento delle bollette dell’acqua della Gori per le famigerate ‘partite pregresse ante 2012’ è stata prorogata fino al 28 dicembre. Ma ai consumatori la situazione ancora non va bene.

Il ventilato tavolo tecnico istituzionale, se c’è stato, finora non ha visto la presenza delle associazioni dei consumatori, che reclamano da settimane l’apertura del confronto a loro che, che rappresentano in prima istanza gli interessi degli utenti del servizio idrico.

Intanto la questione assume anche altri aspetti. “Vi faccio una previsione: l’interesse man mano scemerà, e delle partite pregresse non se ne parlerà ufficialmente per un po’ di tempo”, commenta Giuseppe Ambrosio, segretario regionale di Codici Campania. “Ho la sensazione che per ora il problema di Gori, cioè il maquillage dei bilanci, sia stato sistemato. Iscritte a bilancio le somme, per ora il problema è risolto, se ne riparlerà tra un po’, quando il problema si ripresenterà perché le somme non saranno state materialmente incassate. Per ora però i manager potranno continuare a dormire sonni tranquilli, e magari il problema sarà di chi verrà. Ma noi continuiamo a sperare che a Roma, versante Autority, ci sia qualcuno che ci ascolti. Proprio in questi giorni abbiamo riscritto all’Autorità di settore ed anche all’Antitrust, lamentando il comportamento di Gori. Non è possibile che l’AEEGSI ed anche l’Antitrust rimangano inermi; ci aspettiamo provvedimenti severi”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti