mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeAttualitàGrandi teschi di cartapesta sulle statue. Giallo in molte città italiane

Grandi teschi di cartapesta sulle statue. Giallo in molte città italiane

Grandi teschi di cartapesta sono stati posti da sconosciuti nella notte a Napoli su numerose statue del centro cittadino incluso uno dei monumenti dei re di Napoli sulla facciata di palazzo reale in piazza del Plebiscito.

I teschi hanno sulla bocca una ‘ ics’ formata con nastro adesivo nero e sulla testa una corona di aghi di pino e altre foglie.

Il raid notturno, sarebbe stato effettuato anche in altre città d’Italia. A quanto si apprende dalle ultime notizie, l’operazione sarebbe stata eseguita dal movimento ambientalista  Extinction Rebellion, tale movimento è stato fondato nel 2018, e conta già all’attivo proteste non violente. A Firenze sono stati sorpresi mentre tentavano di installare i teschi di cartapesta sulla statua di Ferdinando I de’ Medici, in piazza Annunziata. Nei prossimi giorni è previsto l’arrivo di Greta Thunberg a Milano.

Hanno operato in numerosi punti raggiungendo anche statue poste a notevole altezza.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti