lunedì 24 Gennaio 2022
HomeAttualitàUn gruppo su Facebook contro l'odio calcistico

Un gruppo su Facebook contro l’odio calcistico

SAN GENNARO VESUVIANO. “TIFO ROMA ma non odio il Napoli… TIFO NAPOLI ma non odio la Roma”. Il nome del gruppo creato su Facebook da Sergio Sbarra, avvocato 46enne di San Gennaro Vesuviano e giornalista pubblicista che dopo i fatti cruenti di Roma ha deciso di fare qualcosa per avvicinare tifosi di squadre diverse.

“Sono napoletano doc”, spiega Sbarra, “che vive in provincia di Napoli, ma da sempre amo la Magica Roma. Non condivido, però, l’odio che c’è tra queste due grandi tifoserie. Il calcio deve essere sfotto ma mai odio. Premesso che nessun tifoso è santo (nè giallorosso, nè azzurro e neanche bianconero), ritengo però che non si possa più andare avanti così… con odio ed aggressioni non si va da nessuna parte. Per questo motivo ho creato questa pagina che vuole esaltare i veri valori di sport, passione calcistica e sfotto”. Ed ha deciso di mettere queste idee in pratica e nell’occasione dell’ultima partita in casa della “sua Roma” è andato all’Olimpico con la sciarpa giallorossa e con quella azzurra del Napoli. “E molti hanno gradito”, aggiunge, “Prima di entrare nello stadio ho fatto anche una foto con un gruppo di juventini sempre mostrando la vostra sciarpa e la mia sciarpa. Quando la Sud ha cantato il solito ridicolo coro sul Vesuvio in molti, veramente tanti, hanno fischiato. Proprio perché amo il calcio vero ed il tifo appassionato ho creato un gruppo dove si esaltano il vero tifo e la passione pura, ma mai l’odio”. E aggiunge:
“Il tifo non è odio e spari, il tifo deve essere inteso come passione e sfotto. Roma e Napoli hanno due tifoserie splendide e non è giusto che per colpa di pochi squallidi individui -che tutto sono ma certamente non si tratta di tifosi- si debba arrivare dove siamo giunti. Io mi auguro che il mio gruppo, il mio contributo, serva a distendere gli animi. Un forte in bocca al lupo per Ciro Esposito, presto farò qualcosa per lui”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti