domenica 25 Settembre 2022
HomeAttualitàHome Care per l'assistenza, l'Ambito 30 aderisce al progetto

Home Care per l’assistenza, l’Ambito 30 aderisce al progetto

BOSCOREALE. L’Ambito Sociale N30, del quale fa parte anche il Comune di Boscoreale, ha aderito al progetto Home Care Premium 2014, dell’Inps – gestione ex Inpdap, un modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza.

Il progetto Home Care interviene a supporto di anziani e disabili (minori e adulti) per consentire loro la permanenza a domicilio non solo con interventi economici o con servizi, ma anche a sostegno della comunità degli utenti nell’affrontare e gestire le difficoltà connesse allo status di non autosufficienza proprio o dei propri familiari.

Le attività sono finanziate dal fondo credito e attività sociali, alimentato dal prelievo, obbligatorio, dello 0,35 %, sulle retribuzioni del personale delle pubbliche amministrazioni, in  servizio. Tra le differenti modalità d’intervento a supporto della disabilità e non autosufficienza, l’Inps ha scelto di investire, in particolare, le risorse economiche del fondo nell’assistenza domiciliare, rappresentando il modello che meglio coniuga il binomio “sostenibilità – dignità umana”, da cui l’etichetta che identifica il Progetto Home Care Premium, ovvero, un contributo “premio” al fine di prendersi cura, a domicilio, delle persone non autosufficienti.

Destinatari del progetto sono i soggetti non autosufficienti rientranti nelle seguenti categorie: i dipendenti e i pensionati, utenti Inps gestione dipendenti pubblici; i loro coniugi conviventi; i loro familiari di primo grado; giovani minorenni orfani di dipendenti o pensionati pubblici.

Il progetto è articolato in prestazioni di: assistenza domiciliare per soggetti non autosufficienti con disabilità psichiatrica, fisica e/o motoria; progetti di assistenza e integrazione scolastica in favore di giovani studenti con disagi cognitivi e psichiatrici; interventi economici in favore di soggetti non autosufficienti residenti presso strutture residenziali e per i quali sia valutata l’impossibilità di assistenza domiciliare.

Si accede alla prestazione a seguito della pubblicazione del bando annuale. I beneficiari devono, necessariamente, essere residenti nel territorio dell’Ambito Sociale N30 (Boscoreale, Boscotrecase, Trecase, Torre Annunziata).

Per la presentazione delle domande sono previste due diverse modalità: può essere presentata direttamente dall’utente, in via telematica attraverso il sito www.inps.it, previa richiesta Pin on-line; recandosi presso gli uffici di Segretariato Sociale dell’Ambito N30. Con questa modalità non è necessario da parte dell’utente avere un Pin on line. I richiedenti devono essere, in entrambi i casi, iscritti alla banca dati Inps. Qualora non fossero iscritti, è possibile farlo mediante il modulo “Iscrizione in banca dati”, scaricabile dalla sezione moduli del sito Inps, area dedicata alla gestione dipendenti pubblici.

La valutazione amministrativa delle domande è a cura della direzione regionale Inps, gestione dipendenti pubblici, competente per territorio. La domanda è ammessa se risponde ai seguenti requisiti: soggettivo (se rientra tra i soggetti destinatari); assicurativo (se è iscritto alla gestione Inps-Inpdap); territoriale (se è residente in uno dei comuni dell’Ambito N30).

In caso di valutazione positiva l’Inps invia la pratica all’Ambito per la pianificazione della presa in carico, che fissa la data di visita e di valutazione per la definizione del programma socio-assistenziale. La valutazione, di competenza di un’equipe multidisciplinare,  si svolge sempre coinvolgendo il richiedente e i suoi familiari preferibilmente presso il suo domicilio e prevede la compilazione di una specifica scheda di valutazione.

Il progetto sarà presentato a Boscoreale, presso il Comune, giovedì 5 giugno alle ore 16,30. In tale occasione saranno illustrati anche i servizi offerti dall’Ambito Sociale alla Terza età.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti