domenica 25 Luglio 2021
HomeAttualitàIl 27 la presentazione del progetto “Riforesti-AMO il Gigante”

Il 27 la presentazione del progetto “Riforesti-AMO il Gigante”

“Riforesti-Amo il Gigante ” è un progetto multidisciplinare ed eterogeneo per la rinascita dei boschi
e delle coscienze nell’area del Parco Nazionale del Vesuvio dopo il Grande Incendio del 2017.
Lo scopo è quello di rinaturalizzare le aree incendiate mediante interventi di ripristino, autorizzati
dagli enti competenti tra i quali il Parco Nazionale del Vesuvio, che prevedono anche la messa a dimora di nuovi nuclei di alberi di specie autoctona, favorendo il ritorno del bosco, principale difesa
contro la grave problematica dei cambiamenti climatici, e riportando così la Vita dove le devastanti
fiamme del 2017 avevano lasciato Morte e distruzione.
Tuttavia il fine ultimo dell’iniziativa non è solo piantare alberi e ripristinare habitat, ma apporre delicatamente nel cuore di chiunque si avvicini ad essa un seme di rinascita, che possa germogliare
ed accrescere l’indistruttibile idea che un mondo migliore sia possibile e che questa possibilità derivi direttamente dall’impegno di ognuno di noi.
“Riforesti-Amo il Gigante”, progetto a crescita indeterminata che non finirà con le prime azioni ma
si svilupperà ed espanderà ulteriormente nei mesi e negli anni successivi, rappresenta dunque anche
una grande opera di sensibilizzazione ed educazione della cittadinanza, il cui riavvicinamento alla propria Montagna ed alla Natura è fondamentale per la tutela dell’area protetta e la rinascita delle coscienze ambientali dormienti.
Il progetto, che vede come promotrice l’Associazione Primaurora, ha ricevuto l’adesione di molte altre realtà ambientaliste tra le quali scuole e numerosissime associazioni (elencate a fine pagina),
anche a carattere nazionale, essendo il Vesuvio un bene prezioso di tutti.
Grazie alle sue caratteristiche ed ai valori promossi “Riforesti-Amo il Gigante” ha ricevuto il patrocinio dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Agraria, dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Prov. di Napoli e del Comune di Torre del Greco e si è in attesa di altri patrocini già richiesti.
Il Webinar di presentazione del Progetto, che si terrà il 27 Novembre dalle 15.00 alle 17.30, sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina ufficiale di Associazione Primaurora e vedrà la partecipazione di associazioni, istituzioni, professori ed altri esperti del settore ambientale e forestale.
Di seguito la lista completa delle associazioni aderenti: Club Alpino Italiano – Tutela Ambiente Montano Regione Campania (Cai Tam), Associazione “Green Peace Napoli”, Associazione “WWF
Napoli”, Associazione “Studi Ornitologici Italia Meridionale (ASOIM )”, UNEC – Unione Nazionale Enti Culturali, Lega Navale Italiana-sezione di Torre del Greco, Confederazione delle Associazioni Universitarie degli Studenti Forestali d’Italia (AUSF Italia), Associazione STUDENTI DI AGRARIA – IAAS ITALIA” ,Club Alpino Italiano (CAI Cava dei Tirreni), Associazione Universitaria degli Studenti Forestali ( AUSF Napoli), Associazione Universitaria degli Studenti di Agraria (ASA Napoli),Scout Agesci Portici 2, Associazione Beta, Associazione Musicale “Luna Janara”, Associazione “I Falchi del Vesuvio”, Associazione “Università Verde” Associazione “Salute Ambiente Vesuvio”, Rete Cittadini Volontari, Rete di Cittadinanza e Comunità, Collettivo “Città Visibile Orta di Atella”, Associazione “Noi genitori di Tutti Onlus”, Associazione “Asklepios”, Associazione “Città Paesaggio”, Associazione “Pro Faito Onlus”, Associazione “N’ SEA YET”, Associazione “Retake Napoli ODV”, Collettivo Volontari per il Vesuvio “Giovanni Battiloro”, Associazione “CompletaMente”, Associazione “Prometeo”, Stop Biocidio paesi vesuviani, Associazione “La Grande Onda”, Associazione “Leaf”, Associazione “SAN DOMENICO SAVIO – APS”. Al progetto aderisce inoltre il Liceo Statale S. di Giacomo con sede in San Sebastiano al Vesuvio (Na).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti