martedì 31 Gennaio 2023
HomeAppuntamentiIl 30 il Castello Musicante per i bimbi al Maschio Angioino

Il 30 il Castello Musicante per i bimbi al Maschio Angioino

Nell’ambito delle iniziative del Capodanno a Napoli, quest’anno grande spazio sarà riservato ai più piccoli grazie all’evento Castello Musicante, una giornata intera di laboratori interattivi e spettacoli per bambini, ideato e diretto da Rossella Cannella. Appuntamento il 30 dicembre al Maschio Angioino dalle 10 alle 20.

La divulgazione della conoscenza attraverso il gioco negli ultimi anni ha trovato sempre più spazio e raccolto sempre più interesse presso le famiglie e i ragazzi stessi. L’edutainment è ormai a tutti gli effetti una forma di apprendimento agile ed innovativo. Lezioni di musica, postazioni di gioco interattivo, nuove tecnologie, animazione didattica e tantissimamusica sono gli elementi che accendono il Maschio Angioino in questa giornata di crescita e divertimento per tutti.

Il Maschio Angioino per un giorno si illuminerà , diventando Il Castello Musicante, un luogo magico da esplorare e scoprire attraverso attività divertenti e stimolanti.

Venerdì 30 dicembre, dalle 10:00 alle 20:00, durante il corso della giornata si alterneranno attività didattiche e di intrattenimento:

– Do-Re-Mi-Fa-Sol
Laboratorio di costruzione e ideazione di strumenti musicali con oggetti riciclati, ogni oggetto può produrre un suono impariamo un metodo “alternativo” di fare musica;

– MappaMondi
Laboratorio di movimento in musica per bambini.

La musica crea coesione di gruppo; la musica stimola le funzioni cognitive; la musica aiuta a promuovere la creatività e ad accrescere l’espressività corporea; la musica crea legami e favorisce la socializzazione. La musica come strumento di integrazione e superamento di tutte le barriere, la musica come voce inespressa della fragilità ma anche come occasione di gioia e scoperta. Con la musica proporremo un viaggio immaginario tra i continenti del mondo, dove la musica rappresenta l’energia positiva che abbatte qualsiasi diversità data dal colore della pelle, dalle religioni e dalle varie etnie;

– Il Raccontastorie
Gli Anim-attori, si alterneranno ad intrattenere i bambini con le storie più intricate di Napoli, dei suoi misteri, e dei suoi luoghi magici. Questi racconti saranno caratterizzati da tante storie di inclusione.

– Tappeto musicale
è un tappeto che rappresenta i tasti di unpianoforte, ed i bimbi, saltando sui tasti, devono riprodurre delle melodie, un gioco interattivo per dare vita alla musica “suonatacon i piedi”;

– Postazione gioco
Manche veloci, con domande che affrontino il tema della musica e dell’inclusione, dove i bimbi potranno partecipare sia a squadre che singolarmente. Il gioco viene fatto da animatori professionisti che si alterneranno alla conduzione.

– Just Dance
Ormai tutti conoscono questa forma d’intrattenimento col ballo, molto in voga tra i giovanissimi. Su un Led scorrono dei video musicali di ballerini, e i bambini devonoguardare attentamente, seguendo i loro passi di danza.

– Componiamo una canzone
Ai bambini viene data una parola e il gioco è di creare strofe in rima che comporranno una canzone che al termine del gioco viene eseguita tutti insieme;

– Work shop di percussioni
Un maestro di percussioni aiuterà i bambini a realizzare e suonare strumenti con materiali riciclati;

– La danza con le bolle
Una ballerina danzando farà uno spettacolo di bolle di sapone giganti in sottofondo i suoni più attuali della musica partenopea;

– Danza aerea
Sulle note della nostra musica contemporanea (da Pino Daniele in poi) un’acrobata eseguirà su teli acrobazie spettacolari, giravolte e cadute dando vita ad una coreografia suggestiva e coinvolgente;

– Carillon vivente
La classica scatola del carillon con al di sopra un’eterea ballerina di danza classica che balla sulle punte sui temi tradizionali del nostro canzoniere classico
Ingresso libero per tutta la famiglia

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti