martedì 15 Giugno 2021
HomeAppuntamentiIl 6 giugno: favole e racconti nel Castello di Lettere 

Il 6 giugno: favole e racconti nel Castello di Lettere 

Cavalieri, principesse, streghe e destrieri popolano ancora l’antico maniero alle pendici dei Monti Lattari, con incantesimi, sogni e sortilegi. Domenica 6 giugno il Castello di Lettere farà da straordinario scenario al «Castello delle favole», con il patrocinio del Comune di Lettere e il sindaco Sebastiano Giordano, il nuovo appuntamento con la fantasia targato «Ma dove vivono i cartoni?». Questa volta la carovana dell’immaginazione ci porta nella fortezza fatta edificata dal Ducato Amalfitano nel corso del X secolo per difendere i suoi confini settentrionali ed era parte di una rete di fortificazioni che assicurava agli amalfitani il controllo dei due versanti dei Monti Lattari. Il sito gode a tutt’oggi di una splendida posizione panoramica che nei secoli scorsi permetteva di controllare l’area dal porto di Castellammare fino alla foce del Sarno e tutto il golfo di Napoli, ma anche la Valle del Sarno dominata dal Vesuvio e dai monti di Sarno fino a Pagani.

Qui, tra le antiche mura della fortezza e i suoi anfratti, si snoderanno le storie fantastiche di cavalieri medioevali che hanno viaggiato nel tempo, incantesimi di streghe e megere da sconfiggere e il bene che trionferà sul male. La salvezza, infatti, arriverà da personaggi come Alladin e la splendida Jasmine o dall’instancabile Robin Hood con il suo leggendario arco.

Ancora favole e fantasia per offrire ai visitatori alcune ore di relax, arte e conoscenza e catapultarli in un mondo incantato in cui non c’è posto per le preoccupazioni. Dopo il periodo dell’emergenza sanitaria, infatti, i piccoli soprattutto e le loro famiglie hanno il desiderio di distrarsi, di socializzare e tornare a sognare. Questo è lo scopo del progetto sociale «Ma dove vivono i cartoni?» che intende ritornare alle tradizionali forme di socialità in cui contatto, cultura e scoperta siano fondamentali.

«Abbiamo immaginato un percorso- dicono i responsabili Aurora Manuele e Francesco Chiaiese- che si snoda tra alcuni dei castelli più significativi della Campania. E il Castello di Lettere, con la sua storia che risale agli anni Mille, con i suoi segreti e la suggestiva aurea medievale, è un luogo straordinario per una delle tappe più importanti dell’itinerario fantastico. Oltre alla rappresentazione teatrale, in cui i protagonisti delle favole guideranno i visitatori in un viaggio nel tempo, sarà possibile visitare l’antica fortezza con le sue antiche mura che raccontano secoli di storia».

«Con cautela e nel rispetto dei protocolli vigenti- spiega il sindaco di Lettere Sebastiano Giordano-  riapre i battenti per un evento, seppur in forma ridotta, il nostro Parco Archeologico del Castello di Lettere. E quale occasione migliore di accogliere artisti che si esibiscono  per  le famiglie  trasportando piccoli ed adulti nel magico ed incantato mondo delle favole. Dopo 16 mesi è un primo piccolo passo verso la normalità. Noi come comunità ripartiamo proprio 50 mila visitatori provenienti  da ogni parte del mondo con riflessi positivi anche sull’indotto turistico ricettivo».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti