mercoledì 27 Gennaio 2021
Home Comunicati stampa Il Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop rilancia l’appello al...

Il Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop rilancia l’appello al ministro Bellanova

Fra i fatti che non hanno avuto (fino ad oggi) seguito, alle parole di esponenti del Governo Italiano dall’inizio del lockdown, ci sono sicuramente i provvedimenti che riguardano il comparto agroalimentare.

Tutti ricordano il post del ministro Bellanova che a chiare lettere dichiarava: “Il cibo sano e di qualità per tutti deve essere punto prioritario nell’agenda di governo. Dobbiamo assumerci l’impegno di avere cura di tutti, di prendere sulle nostre spalle il peso sorretto da gambe più fragili, di non lasciare indietro nessuno”.

- Advertisement -

Belle parole ma è ora di passare all’azione. Così come non c’è stata ancora risposta all’appello lanciato dal Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop che attraverso il presidente Giosuè De Simone e il direttore Vincenzo Peretti avevano proposto l’idea di un “bonus liquidità prodotto stagionato”, per tutte le piccole-medie produzioni lattiero casearie bovine, ovine e caprine tipiche 100% italiane, a tutela di allevatori e produttori. Allo scopo di convogliare il latte degli allevatori in difficoltà nei caseifici aderenti al progetto “Bonus Stagionati”, che a loro volta lo avrebbero trasformato in prodotto stagionato. Il bonus, elargito dal Governo (liquidità per aziende) sarebbe servito ad acquistare i prodotti caseari stagionati, che a loro volta potevano essere utilizzati per la relativa distribuzione gratuita alle persone più bisognose.

Mentre tutto tace aumentano, in molte regioni del Sud, i litri di latte che alcune aziende preferiscono buttare via. Frenate da un prezzo che sta scendendo vertiginosamente. Per il latte vaccino ritirato si parla di scendere al di sotto dei trenta centesimi al litro.

Nonostante i “proclami” fatti dal Governo nazionale e dai diversi Governi regionali, nei fatti nessuna liquidità è arrivata sul conto corrente degli allevatori italiani.

“Non resta altro da fare –dichiarano De Simone e Peretti- che rinnovare l’appello ai responsabili del Governo richiamando la loro attenzione su di un comparto (ovino, bovino e caprino) che da sempre è stato vitale per l’economia e l’alimentazione di qualità degli italiani e che in un momento di grande difficoltà non sta ricevendo le giuste attenzioni”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

- Advertisment -