giovedì 18 Luglio 2024
HomeSanitàIl direttore scientifico del Pascale nominato tesoriere dell’Oeci,  l’Organizzazione europea degli Istituti Oncologici

Il direttore scientifico del Pascale nominato tesoriere dell’Oeci,  l’Organizzazione europea degli Istituti Oncologici

Dalla scorsa settimana c’è un po’ di Napoli nell’OECI, l’organizzazione non governativa fondata a Vienna nel 1979 e trasformata nel 2005 in OECI-EEIG, un gruppo europeo di interesse economico che comprende i più importanti centri oncologici europei. Il direttore scientifico dell’Istituto dei tumori di Napoli, Alfredo Budillon, è stato nominato tesoriere per il triennio 2024-2027. Oltre al Pascale, in Italia fanno parte dell’Organizzazione gli Irccs di Milano, Roma, Aviano, Bari, Veneto, lo IEO, l’Humanitas, il San Raffaele.  Membri dell’OECI  sono anche diversi importanti centri oncologici del Cile, Colombia, Giordania, Federazione Russa, Tanzania, Turchia, Ucraina e Vietnam.

<E’ un onore per me poter svolgere questo ruolo – dichiara Budillon – è anche un riconoscimento importante per il nostro Istituto e ringrazio il direttore generale Attilio Bianchi che ha avanzato la mia candidatura, scelta poi tra varie proposte. Ringrazio anche il Presidente attuale dell’OECI, Giovanni Apolone, direttore scientifico dell’Istituto dei tumori di Milano, per la fiducia e che con me rappresenterà l’Italia nell’organismo di 11 membri che governerà l’organizzazione nei prossimi anni>.

L’obiettivo dell’OECI è accelerare l’applicazione di approcci assistenziali multidisciplinari personalizzati per ridurre la mortalità e garantire un accesso equo alle cure a tutti i malati di cancro e sostenere iniziative parallele al di fuori dell’UE e in altri continenti. Questo obiettivo viene raggiunto promuovendo e valorizzando il concetto di “completezza”  intesa come capacità di svolgere attività assistenziale, di ricerca e formativa- e “multidisciplinarietà” in campo Oncologico.

L’OECI è attualmente orientata al miglioramento della qualità e dell’organizzazione interna dei suoi membri,  con un programma di certificazione riconosciuto anche dal Ministero della Salute Italiano, al sostegno della ricerca di base, traslazionale e clinica, alla collaborazione per le buone pratiche con i pazienti, al miglioramento degli approcci di patologia molecolare, all’esecuzione di studi sull’economia del cancro e sui dati del mondo reale per produrre evidenze.

Gli obiettivi sopra indicati vengono realizzati anche grazie alla partecipazione dell’OECI ad alcune attività della Comunità Europea legate alla Missione Europea contro il cancro e al Piano europeo di lotta contro il cancro.

<Dopo il riconoscimento del Pascale – dice il direttore generale del polo oncologico partenopeo, Attilio Bianchi – quale Comprehensive Cancer Center, il massimo livello previsto dall’OECI, questa è un’ulteriore testimonianza della riconosciuta caratura del nostro istituto e dei nostri professionisti. Complimento a nostro direttore scientifico>

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Articoli recenti

Rubriche