venerdì 3 Febbraio 2023
HomeCronacaIl dolore di Somma per l'addio a Margherita: "Esempio di vita, bella...

Il dolore di Somma per l’addio a Margherita: “Esempio di vita, bella e gioiosa”

SOMMA VESUVIANA. Una chiesa gremita, silenziosa e addolorata quella che ha accolto Margherita Giordano, 34 anni appena, insegnante che è morta a Bolzano dove lavorava perchè travolta e uccisa da un camion betoniera. Una morte ingiusta, per la quale non vi sono spiegazioni e allora bisogna appellarsi alla fede. A quella fede ha fatto riferimento don Nicola De Sena, parroco della chiesa di San Domenico nel corso della sua omelia. “Sono tante le domande che ci si pone in una tragedia del genere”, ha detto don Nicola ai fedeli raccolti intorno alla bara di Margherita, “perchè quando accadono simili tragedie cerchi di trovare un senso, di dare una spiegazione e io mi sono messo davanti al Crocifisso a cercare una risposta e il crocifisso mi ha risposto con un’altra domanda. Per questo ho scelto il passo del Vangelo quando Gesù dice ‘Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?’ e davanti a questo grido di Gesù che nasconde tutta l’amarezza, il dolore perchè sente il padre lontano è il grido di tutta l’umanità che soffre, soprattutto l’umanità che vive una tragedia. E allora mi sono detto, la risposta dove la possiamo trovare? La risposta la troviamo nell’amore perché alla fine con l’uomo, la croce è l’incarnazione dell’amore e l’amore pure se apparentemente schiacciato, calpestato e muore. L’amore invece è per sempre perché non teme la morte”. Da qui le considerazioni di don Nicola a cui bisogna rifarsi per sopportare un dolore così grande per la morte ingiusta di una ragazza che aveva una vita davanti, che stava per tornare nella sua città. Si sarebbe trasferita a gennaio dopo anni di sacrifici al Nord, una ragazza che aveva svolto con amore il volontariato nella Croce Rossa, che si dedicava al teatro e ai suoi alunni, una “perla rara” in tempi in cui i valori sembrano essere scomparsi. “In questo amore eterno abbiamo celebrato la liturgia per Margherita”, aggiunge il parroco, “perché Margherita la consideriamo viva e presente in mezzo a noi, non è un ricordo in questo amore eterno Margherita vive. Noi dobbiamo trovare la risposta nella fede, perchè una risposta umana ci farebbe perdere la testa facendo vincere il rancore e non bisogna adesso vivere nel risentimento. Siamo capaci di dare un senso vero alla vita? e allora spendiamola bene prendendo un modello di vita bella, gioiosa e sorridente come Margherita, se riusciamo a fare così, allora diamo anche noi una risposta a questo nostro stare insieme oggi pomeriggio in questa chiesa e non soltanto portiamo Margherita nel cuore, ma la sentiamo presente nella nostra vita. Infine, siamo con il nostro affetto una sola famiglia e mostriamo l’amore di Dio attraverso la nostra vicinanza ai suoi cari”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti