sabato 26 Settembre 2020
Home Attualità Il Garante dei disabili della Regione, Colombo: “Parte Campania Solidale”

Il Garante dei disabili della Regione, Colombo: “Parte Campania Solidale”

NAPOLI. È con viva soddisfazione che il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania, annuncia la partenza del progetto “Campania Solidale”.

“Campania Solidale” è un servizio di aiuto per le persone con disabilità e le loro famiglie residenti in Campania. È espressione della sussidiarietà orizzontale, con il coinvolgimento del Terzo Settore e della Società Civile.

- Advertisement -

Il servizio si propone: favorire la permanenza del disabile nell’ambiente familiare e sociale di appartenenza riducendo il ricorso all’ospedalizzazione impropria ed evitando, per quanto possibile, il ricovero presso strutture residenziali; promuovere la conservazione ed il recupero dell’autonomia personale e delle relazioni sociali; garantire la cura della persona; fornire supporto in situazioni di emergenza familiare; favorire la prevenzione ed il contrasto dei processi di emarginazione sociale o dei fenomeni di isolamento, di solitudine e di bisogno, oltre a favorire il miglioramento della qualità della vita in generale.

Vengono previste attività ben precise: aiuto nello svolgimento di pratiche amministrative e di accompagnamento presso uffici; telefono amico o servizio di compagnia, visite domiciliari ai particolarmente emarginati, attività di accompagnamento presso familiari e vicini e presso luoghi di interesse culturale o sportivo, finalizzata a mantenere o ristabilire relazioni affettive e sociali; sostegno per la fornitura o l’acquisto, su richiesta, di alimentari e di generi diversi nonché di strumenti e tecnologie per favorire l’autonomia, supporto psicologico, animazione della comunità locale.

Per chi volesse usufruire di questo servizio, può compilare il modulo di segnalazione sul sito campaniasolidale.garante.disabili@cr.campania.it.

L’avv. Colombo ringrazia la Caritas Campania, la Croce Rossa della Campania, tutti i Centri di Servizio per il Volontariato della Campania e l’Università degli Studi Federico II di Napoli, oltre a tante altre entità e singoli animati di tanta buona volontà per la collaborazione gratuita fornita e che forniranno.

Su impulso del CSV Napoli, i Centri di Servizio per il Volontariato della Campania hanno aderito al progetto, contribuendo a potenziare la collaborazione già esistente con il Garante. Spiega il presidente del CSV Napoli, Nicola Caprio: “E’ un momento difficile per tutti ma per le fasce deboli in particolare: la risposta delle istituzioni e degli Enti del Terzo settore deve essere efficace e rapida. Questo progetto va proprio in questa direzione: in piena sinergia tutti ci facciamo carico di recepire i bisogni e dare risposte concrete. Ringrazio gli altri CSV della Campania che hanno subito condiviso il nostro percorso”

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Premio San Gennaro Day 2020: cambio location per condizioni meteo sfavorevoli

PREMIO SAN GENNARO DAY 2020 Domenica 27 settembre ore 20.30 al TEATRO POLITEAMA via Monte di Dio, 80 - Napoli A causa delle sfavorevoli condizioni meteo,...

Celebri Cori d’Opera dell’Ottocento a Palazzo Reale

NAPOLI. Si è inaugurata con un concerto jazz nel Cortile delle Carrozze del Palazzo Reale di Napoli la prima edizione della rassegna di concerti,...

Concorso Internazionale di Canto Lirico, 11esima edizione a Ravello

RAVELLO. Riparte, l’Undicesima Edizione del Concorso Internazionale di Canto Lirico Ravello Città della Musica, finanziato dalla Regione Campania con Fondi POC 2014-2020 dopo l’interruzione...

GPS, Villani interroga Azzolina: “Intervenga sulle anomalie”

ROMA. La Deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani interroga (interrogazione a risposta scritta 4/06819) il Ministro dell'istruzione, Lucia Azzolina in merito all'attuazione delle...

Nuovo clan a Torre Annunziata. Nel blitz 12 gli arrestati

TORRE ANNUNZIATA. L'operazione è stata condotta dal personale della Squadra Mobile, dai carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata e dagli agenti del commissariato doplontino...
- Advertisment -