giovedì 9 Febbraio 2023
HomeCronacaIl Gico della Finanza scopre il secondo covo di Matteo Messina Denaro

Il Gico della Finanza scopre il secondo covo di Matteo Messina Denaro

Campobello di Mazara (Trapani). Sono in corso le perquisizioni nel secondo covo del superlatitante Matteo Messina Denaro. Covo scoperto nella tarda mattinata di oggi grazie a una segnalazione raccolta dal Gico (Gruppi d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata) di Palermo, il reparto di contrasto alla criminalità
organizzata della Guardia di Finanza.
Questa volta sarebbe un vero e proprio bunker realizzato all’interno di un’altra abitazione di Andrea Bonafede (l’uomo che sveva dato la sua identità al boss della mafia per permettergli di spostarsi) trovato a 500 metri di distanza dall’ altro.
Si apprende che il possibile bunker era occultato attraverso lavori di muratura realizzati appositamente. Qui Messina Denaro avrebbe nascosto non solo documenti e materiale legato alla gestione della cosca, ma anche i soldi che gli hanno consentito l’agiata latitanza conclusasi dopo 30 anni con l’arresto in una clinica di Palermo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti