domenica 5 Dicembre 2021
HomePoliticaIl M5S denuncia incendio nel sito di stoccaggio a Sarmo

Il M5S denuncia incendio nel sito di stoccaggio a Sarmo

I dati dei rilievi Arpac sono allarmanti: gli esiti analitici del primo ciclo di campionamento evidenziano per diossine e furani un valore di concentrazione superiore al valore di riferimento. A distanza di altri due giorni, inoltre, i limiti risultano ancora violati – spiega la Deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani – Con i colleghi Cammarano e Angrisani abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica nel quale chiediamo di accertare tutte le responsabilità del violento incendio: vi è la necessità di avviare un’indagine rigorosa per verificare il rispetto di tutte le autorizzazioni rilasciate dalle diverse Autorità e il rispetto delle leggi ambientali. Sul caso, ho già personalmente interessato il Ministro Sergio Costa. Alla Magistratura, chiediamo che si valuti il sequestro del locale e che si tuteli la salute dei nostri cittadini”.

Ancora una volta assistiamo ad un vero e proprio atto di violenza contro la nostra terra, contro noi stessi e il nostro futuro. È il momento per noi tutti, come comunità, di fare un passo avanti decisivo. Queste azioni non possono essere tollerate, non solo perchè rappresentano o possono rappresentare un problema serio per la salute pubblica, ma anche per il loro contenuto etico e politico. Come potremmo mai affrontare le sfide del cambiamento climatico, della trasformazione in senso sostenibile, se non riusciamo a rispettare (e a far rispettare) la nostra casa ed il nostro territorio? Con quale credibilità ci presenteremo davanti alle generazioni future?” dichiara la Senatrice del MoVimento 5 Stelle, Luisa Angrisani.

Una “più assidua attività di controllo” nei siti di stoccaggio di rifiuti e una “costante opera di sensibilizzazione verso i gestori” degli impianti – dichiara il Consigliere Regionale M5S, Michele Cammarano – Andremo a fondo su questo terribile incendio, verificando oltretutto se l’impianto in questione fosse o meno all’interno della lista dei siti sensibili della Prefettura. Si tratta di una battaglia che va combattuta insieme, per questo ci auguriamo che gli amministratori siano al nostro fianco nei tavoli di lavoro con l’obiettivo comune di arginare questi drammatici fenomeni”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti