sabato 4 Febbraio 2023
HomeSanitàIl Ministero sceglie il Pascale come primo centro di protonterapia del centro...

Il Ministero sceglie il Pascale come primo centro di protonterapia del centro sud

Sarà Napoli con il Pascale il primo centro di protonterapia ad aprire sul territorio nazionale nel centro sud, laddove i confini del centro sud si fermano addirittura a Candiolo, in provincia di Torino. Il Ministero della Salute ha infatti concesso all’Istituto dei tumori di Napoli, il finanziamento per la realizzazione del centro di protonterapia che sarà collocato negli spazi adiacenti l’attuale radioterapia del Pascale, dando di fatto ragione a una richiesta avviata dalla direzione strategica del polo oncologico quattro anni fa. Un risultato eccezionale per l’Irccs partenopeo che premia l’Istituto di un’apparecchiatura che potrà trattare i pazienti selezionati a casa propria. Se il centro più a sud di Italia si trova, infatti, a Candiolo, su tutto il territorio nazionale se ne contano soltanto altri due, uno a Trento, l’altro a Pavia. Eppure la protonterapia può essere utilizzata più facilmente in combinazione con la chemioterapia, come trattamento post chirurgico, nella re-irradiazione dopo la radioterapia con raggi x standard e ha sicuramente effetti collaterali inferiori.

.

Il progetto, che impegnerà circa 36 mesi per la sua realizzazione, potrà colmare quel gap esistente sul territorio nazionale per limitare quella quota di pazienti che ancora oggi migra verso il nord per accedere a questo tipo di trattamenti e sopratutto potrà consentire l’ampliamento dell’arruolamento dei pazienti che oggi risulta essere molto selettiva.

Potranno trarne vantaggio coloro i quali già sono stati sottoposti ad un precedente trattamento radiante o pazienti che hanno una patologia oncologica in sedi molto profonde. La prospettiva è creare una rete affinché tutte le strutture radioterapiche campane e non solo, possano far convergere presso il centro, i pazienti candidabili.

.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti