Home Politica Il nido dei nani, a Castello di Cisterna arriva il micronido comunale

Il nido dei nani, a Castello di Cisterna arriva il micronido comunale

Castello di Cisterna. Pareti colorate e tanta gioia nel micronido comunale al Parco Enrico de Nicola. Realizzato grazie ai fondi regionali e all’ambito territoriale 22,  “Il nido dei nani” è stato inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco Aniello Rega e al presidente del consiglio comunale con delega alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Giovanna Mirra. Con Rega e Mirra sono intervenuti: la coordinatrice del servizio Maria Cipollaro, il dirigente dell’ambito 22 l’avvocato Luigi De Ruggiero, il presidente della cooperativa sociale Senexus Roberto Barbato, il capogruppo consiliare di maggioranza Elpidio D’Angelo e l’assistente sociale Nicoletta Ianulare.

Qui il video per ascoltare le dichiarazioni dei presenti all’inaugurazione

Ad essere l’anima del progetto l’ex assessore e oggi presidente del consiglio comunale Giovanna Mirra. Un’iniziativa che ostinatamente porta avanti già dalla scorsa legislatura grazie al suo sguardo attentissimo verso le fasce deboli ed alle mamme, troppo spesso costrette ad abbandonare il lavoro perchè lasciate sole e senza sostegno nella crescita dei bambini. Una rete istituzionale attivissima che è riuscita a trasformare quella che era in origine una ludoteca senza servizio di refezione in un vero e proprio micronido comunale pronto ad accogliere i bimbi dai primi mesi di vita fino ai 3 anni. Fasciatoi per i più piccoli e tanti i giochi allestiti nella struttura che al piano superiore ospita la scuola d’Infanzia Grazia Deledda. La nuova realtà educativa oltre all’aiuto organizzativo ha ricevuto dall’Ente comunale anche un sostegno economico, il quale infatti è riuscito ad elargire fondi per una somma pari a 5mila euro. Al momento sono circa 16 i bambini iscritti al micronido, ma la struttura potrà ospitarne circa una ventina. Il bimbo più piccolo che frequenterà il nido ha circa sei mesi. Non mancano i comfort nel grazioso mondo colorato creato ad hoc per i piccolini, a breve inizierà per loro anche il servizio mensa. «Oggi per la prima volta a Castello di Cisterna si apre un micronido che intendiamo ampliare – spiega il presidente del consiglio comunale Giovanna Mirra – è una grande soddisfazione perchè questa sede offrirà anche la somministrazione dei pasti. Un servizio completo». Mirra poi continua: «Le mamme lavoratrici non dovranno più rivolgersi ai territori vicini. Mi attiverò personalmente per intercettare nuovi fondi, anche quelli del PNRR affinchè si possa migliorare ancora di più la qualità del servizio offerto – e infine conclude – voglio ringraziare la coordinatrice Iolanda Marrazzo che ha preceduto l’attuale dirigente dell’ambito 22, l’avvocato De Ruggiero. Per me lei è stato un faro e un tecnico che ha lavorato con il cuore». Durante l’inaugurazione il sindaco Rega ha spiegato: «L’amministrazione è sempre presente in tutti i progetti e manifestazioni che ci consentono di attivare un servizio utile alla collettività».

Foto inaugurazione

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento