Home Senza categoria Il pediatra La Pietra candidato alla Camera: «Io figlio del territorio»

Il pediatra La Pietra candidato alla Camera: «Io figlio del territorio»

Ottaviano. É uno dei pochi candidati del territorio, il noto pediatra ottavianese Michele La Pietra si candida alla Camera per il partito “Unione Popolare”. Candidato nel collegio uninominale Campania 1-U06 Somma Vesuviana possono votarlo i cittadini residenti nei seguenti Comuni: Boscoreale, Brusciano, Camposano, Carbonara di Nola, Casamarciano, Cicciano, Cimitile, Comiziano, Liveri, Mariglianella, Marigliano, Nola, Ottaviano, Palma Campania, Poggiomarino, Pompei, Roccarainola, Sam Gennaro Vesuviano, San Giuseppe Vesuviano, San Vitaliano, Saviano, Scisciano, Somma Vesuviana, Striano, Terzigno, Tufino, Visciano. Il suo impegno è rivolto soprattutto al potenziamento della medicina territoriale, protezione civile e servizi sociali. «Un impegno costante nel sostenere i Comuni aumentando le tutele, l’autonomia gestionale dei sindaci, l’erogazione dei servizi sociali» spiega nel suo vasto e corposo programma elettorale. Naturalmente La Pietra guarda anche alla crisi energetica ed economica che ha colpito il “belpaese” in seguito al conflitto tra Ucraina e Russia: «É da folli pensare di calmierare le bollette senza mettere un tetto stabile al prezzo del gas e senza tassare gli extra profitti delle aziende energetiche – questa la sua opinione su come contrastare la crisi – è necessario quindi sostenere i lavoratori con l’aumento dei salari e per le imprese che intendono assumere semplificare la macchina burocratica e attenuare la pressione fiscale». Al suo “sguardo” vigile e attento non poteva mancare uno dei punti più discussi e spinosi, la “scuola”: «Urge l’abolizione della “buona” scuola, bisogna restituire dignità e libertà di insegnamento ai docenti. Poi è necessario eliminare le classi pollaio e investire nelle università». Il noto pediatra Vesuviano ha poi risposto alle nostre domande.

Pediatria e medicina territoriale, qualora venisse eletto come migliorerebbe questi importantissimi servizi troppo spesso calpestati?

Sicuramente. Continuità assistenziale pediatrica (pediatra nei giorni festivi dalle 08.00 alle 20.00); riduzione delle liste di attesa per le consulenze specialistiche; telemedicina; asili nido con visite pediatriche in sede; educazione alla salute nelle scuole.

Cosa l’ha spinta a candidarsi con Unione Popolare e quali valori condivide con questo nuovo partito?

Sono stato proposto per la candidatura dall’onorevole Piera Aiello (che tutti voi conoscete per la sua storia e impegno nella lotta alle mafie). Condivido con loro la serietà e l’impegno che profondono nella loro funzione. Inoltre mi hanno dato la possibilità di rappresentare il nostro territorio maltrattato dalle caste di centrodestra e centrosinistra.

Perchè gli elettori dovrebbero votarla?

Perché hanno la possibilità di far eleggere un figlio del territorio che ha perfetta conoscenza dei problemi e da sempre è, sia nella vita professionale che umana, dalla parte dei più deboli.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Nessun commento