martedì 29 Novembre 2022
HomeCronacaImpallinato con fucile ad aria compressa, versione sospetta della vittima

Impallinato con fucile ad aria compressa, versione sospetta della vittima

VOLLA. Impallinato alla caviglia con fucile ad aria compressa, giovane vittima di bulli. Ma la versione della vittima non convince i carabinieri.

“Stavo camminando di rientro a casa quando un auto con due giovani mi si è accostata e uno di loro mi ha colpito con un fucile ad aria compressa”, sintetico e di poche parole il racconto di G.D.P., 20enne incensurato di Volla. La dichiarazione del giovane è stata resa in sede di denuncia prima ai sanitari al Pronto soccorso dell’ospedale “Villa Betania”, poi ai carabinieri della locale stazione: “All’inizio credevo mi volessero chiedere una informazione – racconta il giovane ai militari – poi ho visto l’arma ed ho pensato ad una rapina”. Invece, nulla di tutto ciò, nessuna richiesta estorsiva: i due balordi si stavano semplicemente divertendo con quella che starebbe diventando la nuova moda del momento ovvero “giocare” con fucili ad aria compressa.

Un divertimento opinabile – il giovane rimasto ferito alla gamba sinistra, la scorsa sera in via Alessandro Volta, è stato medicato con 10 giorni di prognosi – perché, nel peggiore dei casi,  il colpo può comunque rivelarsi letale come quello di un’arma da fuoco, o altrimenti provocare e lasciare comunque ferite anche abbastanza gravi a seconda del punto del corpo colpito dal momento che si tratta di pallini di piombo. Purtroppo la loro vendita è libera e non necessita di autorizzazione né denuncia di possesso a meno che il calibro non superi determinati parametri da annoverarle in armi comuni da sparo. Intanto anche la versione della stessa vittima è al vaglio dei militari dell’arma locale poiché il suo racconto – con non poche sbavature e contraddizioni – non ha convinto del tutto gli inquirenti. Non è escluso, al momento, che anche la vittima in realtà facesse parte del gruppo ed alla fine di un “gioco” balordo ne fosse rimasto ferito.

Dalle prime indagini e stando ad alcune testimonianze, la scorsa sera nella zona dove il giovane è rimasto ferito da due sconosciuti, pare che vi fosse un gruppetto di ragazzini e anche giovani che si stava “divertendo” con i fucili ad aria compressa: una caccia al bersaglio principalmente tra di loro ma che non avrebbe visto escluse tra le vittime anche qualche malcapitato passante vistosi minacciato o addirittura accerchiato e colpito dai bulli. Proprio come sarebbe capitato al 20enne, rimasto ferito e medicato in seguito al pronto soccorso. Indagini tutt’ora in corso, anche tese ad accertare la veridicità delle dichiarazioni rese.

 

di Patrizia Panico – fonte Il Mattino area sud-costiera

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti