venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaIndennità direttivo Asi, Lello Russo: "Vergognoso in un momento di crisi"

Indennità direttivo Asi, Lello Russo: “Vergognoso in un momento di crisi”

POMIGLIANO D’ARCO. Indennità direttivo Asi. Il sindaco di Pomigliano d’Arco, Lello Russo: «Vergognoso che, in un momento di simile crisi economica, il direttivo ASI deliberi, per gli stessi componenti, un’indennità pari a quella di un sindaco in una città di 500mila abitanti».

Il sindaco di Pomigliano d’Arco ha annunciato che diffonderà l’elenco completo dei componenti il direttivo ASI (consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale) e le relative indennità.«In modo che i cittadini conoscano i nomi e cognomi di coloro che approfittano della politica per i propri interessi» – spiega il primo cittadino, Lello Russo.  Questa mattina, infatti, nella riunione di insediamento del direttivo presieduto da Giosi Romano – sindaco in carica del Comune di Brusciano – si è deciso di deliberare, al primo punto dell’ordine del giorno, proprio l’ammontare degli «stipendi». «In un momento di grave crisi economica, mentre famiglie intere vivono il dramma della disoccupazione e  giovani cui è stata tolta la speranza pagano con il sacrificio della vita questo momento drammatico – dice Russo – è semplicemente vergognoso che il direttivo ASI, come primo atto, deliberi agli stessi membri un lauto stipendio. Il presidente Giosi Romano, che già percepisce un appannaggio come sindaco di Brusciano, si è deliberato uno stipendio pari a quello di un sindaco di una città di 500mila abitanti e, ai componenti del direttivo, andrà il 60% di tale indennità».  «La cosa è tanto più grave – aggiunge il sindaco Russo – se paragonata alla notizia di oggi che annuncia la riduzione dello stipendio da parte del Presidente della Repubblica». Il sindaco di Pomigliano – eletto nel 2010 e ricandidato per il quinquennio 2015 – 2020 – ha rinunciato all’indennità di carica insieme alla sua giunta e ai consiglieri di maggioranza, destinando la stessa a un fondo per le politiche sociali. «E lo stesso farò in futuro» – precisa.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti