mercoledì 6 Luglio 2022
HomeAttualitàDa ingegnere a dottore in Ingegneria, cambiano gli atti del Comune

Da ingegnere a dottore in Ingegneria, cambiano gli atti del Comune

SOMMA VESUVIANA. Basta un’indagine dei carabinieri per “perdere” titoli e qualifiche. Accade al Comune di Somma Vesuviana dove fino a qualche giorno fa Pasquale Molaro, nominato dal sindaco Pasquale Piccolo dirigente ai Lavori Pubblici, Manutenzione, Patrimonio era ingegnere sugli atti del municipio e poi oggi, preso atto delle indagini dei militari del maresciallo Raimondo Semprevivo, Molaro diventa semplicemente un dottore in Ingegneria.

Basta leggere l’avviso di dimissioni pubblicato nella home page del sito istituzionale del Comune “In data odierna con nota prot. n. 1309 del 22/01/2015 il Dott. In Ingegneria Pasquale Molaro ha rinunciato all’incarico, conferito con decreto sindacale n. 1 del 08/01/2015, di Responsabile dell’Ufficio Tecnico-LL.PP del Comune di Somma Vesuviana per motivi familiari”. Mentre nel verbale del 29 dicembre 2014 in cui la commissione esaminatrice (in appena 1 ora e 55 minuti) procede ai colloqui di tre candidati, Molaro viene definito ingegnere, così come accade nel decreto di nomina firmato dal sindaco il 7 gennaio scorso. Svista o dolo? Anche su questo indagano i carabinieri per verificare eventuali responsabilità da parte di funzionari e amministratori che hanno proceduto al bando, alla verifica e alla nomina.
Una questione di titoli e finti titoli cui il Comune di Somma non è nuovo. Nel 2012 i carabinieri indagarono, dopo un blitz compiuto dalle telecamere di “Striscia la Notizia”, sull’attività svolta da un consigliere comunale, odontotecnico, che operava invece come dentista. Una condizione che portò al consigliere una denuncia per esercizio abusivo della professione medica. Il caso vuole che oggi quello stesso consigliere sia il principale “sponsor” politico del dottor Molaro. Come sosteneva Benedetto Croce “corsi e ricorsi storici”.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti