lunedì 4 Marzo 2024
HomeAppuntamentiIngegneri:osservatorio per misurare l'innovazione, domani la presentazione

Ingegneri:osservatorio per misurare l’innovazione, domani la presentazione

Ingegneri, un osservatorio per misurare l’innovazione Domani la presentazione a Innovation Village

Si chiama “Ogit”, acronimo che sta per “OSSERVATORIO SULLA GEOGRAFIA DELL’INNOVAZIONE TERRITORIALE”: è la nuova struttura istituita dall’Ordine degli Ingegneri di Napoli – informa una nota – che monitorerà gli effetti sul territorio delle strutture innovative che si sono insediate sul territorio partenopeo.
L’Osservatorio verrà presentato domani, giovedì 4 aprile 2019, dalle ore 14,30, nell’ambito della rassegna Innovation Village che si tiene al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, in un convegno dal titolo “L’importanza del territorio e di metriche quantitative per la misura dell’innovazione”.
L’istituzione dell’Osservatorio à stata proposta dalla Commissione innovazione tecnologica dell’Ordine, coordinata da Stefano de Falco. A presiedere la struttura è lo stesso Edoardo Cosenza, presidente dell’Ordine degli ingegneri. L’Osservatorio opererà in sinergia con le commissioni di studio dell’Ordine.
Ed ecco – informa ancora la nota – gli obiettivi dell’osservatorio: mappare soggetti, enti e istituzioni deputate a svolgere un ruolo di promozione del trasferimento tecnologico e della innovazione; monitorare l’andamento dei processi innovativi e i relativi risultati tangibili, anche in termini di ricadute economiche ed occupazionali sul territorio; analizzare i flussi migratori di risorse ad alta qualificazione.
“Di innovazione – aggiunge Stefano de Falco – si parla molto, ma noi vogliamo misurarne gli effetti tangibili. Tra l’altro cercheremo di verificare se i colleghi formati dalle Academy nate in ambito universitario (Apple, Cisco, Deloitte) e che riqualificano zone fino a tempi recenti degradate e depresse, come le aree ex industriali di Napoli Est, troveranno modo di sviluppare attività di impresa in loco e quindi di non essere loro malgrado protagonisti dell’ennesimo caso di fuga dei cervelli”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche