sabato 26 Novembre 2022
HomePoliticaLa denuncia: "Basta agli enigmi sulla biblioteca di Sant'Anastasia"

La denuncia: “Basta agli enigmi sulla biblioteca di Sant’Anastasia”

SANT’ANASTASIA (NA) In un recente consiglio comunale, in risposta ad un esponente dell’opposizione, l’assessore alla pubblica istruzione, Veria Giordano, esprime, in merito alla biblioteca comunale, la volontà dell’amministrazione e del suo assessorato di riportarla, in tempi brevi, alla piena funzionalità.
Strano, però, che neppure un mese dopo quel consiglio comunale, l’assessore alle politiche sociali proroghi di un ulteriore anno la convenzione d’utilizzo (delibera del 05/08/2022) ad alcune associazioni del territorio. Associazioni che, per svolgere il loro ineccepibile e fondamentale ruolo sociale, operano da diversi anni all’interno della stessa biblioteca. E che meriterebbero, per il loro eccellente servizio alla cittadinanza, un serio e stabile supporto istituzionale. A chiunque lavora nel sociale va quindi garantita ogni forma di sostegno possibile affinché non si debba lavorare costantemente in condizioni di precariato, o in ambienti spesso non idonei alle attività praticate. Il terzo settore, punto di riferimento per le fasce deboli del paese, merita rispetto e dignità.
Nel frattempo, dalla dichiarazione di un altro assessore, e sono tre, si legge che le aule studio saranno riaperte all’incirca tra un mese. Insomma, sembra di assistere alla fiera del pressappochismo. Di chi dice una cosa, contraddicendo l’altra. Di una barca che va in direzioni opposte a secondo di chi si trova a remare.
Davanti a tutta questa imbarazzante babilonia, l’unica certezza ci viene offerta dall’assenza di un progetto lineare, di una programmazione istituzionale scevra da confusioni e finalmente capace di restituire la biblioteca comunale ai cittadini anastasiani, ai suoi studenti.
Ci preoccupano, infine, le parole pronunciate dell’assessore Giordano sull’idea di una gestione esterna della biblioteca. Per quanto ci riguarda, lo ribadiremo più volte se necessario, riteniamo fondamentale che determinati spazi culturali e di aggregazione restino pubblici e liberamente fruibili. Dunque, contrasteremo ogni forma di tiepida o di esplicita privatizzazione.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti