lunedì 20 Settembre 2021
HomeAttualitàLa lettera. "Psicosi da Covid tra medici della guardia medica di S.Anastasia"

La lettera. “Psicosi da Covid tra medici della guardia medica di S.Anastasia”

Sant’Anastasia. Riceviamo una lettera da una nostra lettrice che ieri ha accompagnato la mamma alla Guardia medica di Sant’Anastasia e le è accaduto qualcosa che a due anni dalla Pandemia sembra difficile da giustificare.

Psicosi da covid tra medici della guardia medica di S.Anastasia.

Dopo essermi recata presso la Guardia medica di S.Anastasia, ho scoperto che i sintomi di un paziente vanno riferiti prima per citofono, poi ripetuti una seconda volta con medico che si affaccia dal balcone e il paziente giu, senza un minimo di privacy. Avevano paura di visitarla. Una volta venuti giu il dottore e la dott.ssa, abbiamo ripetuto per la terza volta i famosi sintomi. Il termoscanner segnalava temperatura 37. A questo punto panico, da parte dei medici. Non volevano visitarla e farla entrare. La proposta della Dott.ssa e’ stata di misurare pressione in strada. Ovviamente mi sono opposta a questa idea geniale e ho fatto presente che mi sarei recata in ospedale dichiarando che loro non volevano visitarla. Dopo un po’ l’hanno fatta entrare. Ovviamente hanno misurato di nuovo e non aveva febbre.
Il punto e’ il seguente: i medici della guardia medica non vogliono lavorare o devo pensare che dopo quasi 2 anni di pandemia non sanno gestire i pazienti? Come si puo’ chiedere alle persone di non catapultarsi in ospedale se sono prima questi pseudo medici a diffondere panico tra l’altro ingiustificato?

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti