venerdì 25 Giugno 2021
HomeAttualità“La pittura dei Ribelli”, iniziativa nella Casa di Quartiere "Annalisa Durante"

“La pittura dei Ribelli”, iniziativa nella Casa di Quartiere “Annalisa Durante”

Napoli. Ieri, 13 luglio, presso lo spazio comunale Piazza Forcella in cui opera la Biblioteca Casa di Quartiere Annalisa Durante, abbiamo trascorso delle ore di grande valore umano e sociale. E’ avvenuta una cosa straordinaria perché ci siamo uniti tutti, senza alcuna distinzione, nel ricercare la luce attraverso i colori della pittura. Ragazzi che soffrono di disturbi mentali, bambini del quartiere accorsi insieme a nonni e genitori, adulti volontari, psicologi, medici ed assitenti si sono cimentati nei laboratori di pittura guidati dall’artista emiliano Giuseppe Menozzi, venuto a Napoli per promuovere la Mostra che terrà al PAN in settembre e che ha invece trovato sulla strada un percorso sociale a cui non ha saputo dire di no, che Forcella ha accolto attraverso la Biblioteca Durante e la sensibile condivisione dell’assessore alla Cultura Eleonora de Majo.
Per molti si è trattato del primo approccio alla pittura. E’ stato davvero emozionante vedere tirare fuori ad ognuno le proprie pulsioni e i propri sentimenti, tracciando sentieri di luce sulle proprie tavolozze, prima con i pennelli e poi direttamente con le mani.
Tutti si sono cimentati nella pittura, Giuseppe Auriemma, psichiatra responsabile del Centro di Salute mentale 31 (Centro Storico), Emilio Costagliola, responsabile del Centro diurno di riabilitazione psico-sociale “Salvi tutti” e la dottoressa Luisa Russo, direttore del Nucleo operativo di Neuropsichiatria infantile dell’Asl
Napoli 1 Centro, ma anche Antonio Barometro dell’associazione “Psiché” e Libera D’Angelo, entrambi impegnati nel mondo del volontariato. Inoltre, sono intervenuti a sostenere l’iniziativa, Maria D’Ambrosio dell’associazione “Soroptmist” e Geremia Gaudino della Regione Campania. La pittura dei ribelli proseguirà con questo format e l’1 settembre avverrà qualcosa di ancora più importante. Restiamo in attesa.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti