mercoledì 25 Maggio 2022
HomeCultura e SpettacoliLa Principessa Italiana ospite dei Lions Club

La Principessa Italiana ospite dei Lions Club

Il Princess Mafalda Tour 2022 ospite dei LIONS di San Giuseppe Terre del Vesuvio

 Questa volta i “padroni di casa” saranno i Lions di San Giuseppe Terre del Vesuvio a ospitare la Principessa Italiana Mafalda di Savoia con il Princess Mafalda Tour 2022  per l’ennesima tappa eoramai nome accreditato nell’ambiente di studi afferenti all’Olocausto e all’Esoterismo Nazista.

La location dell’evento sarà la Parrocchia di San Francesco di Assisi, sita in San Giuseppe Vesuviano (Na), alla via Passanti, con inizio dei lavori alle 19:30 di giovedì 19 maggio 2022.

L’apertura dei lavori e i saluti saranno affidati a Maria Lucia Ambrosio – Presidente L.C. San Giuseppe Terre del Vesuvio e a Don Fiore Cutolo – Parroco appunto, della Chiesa di San Francesco di Assisi.

Oltre all’intervento dell’Autore, vi saranno i contributi di due relatori d’eccezione: il prof. Carmine Cimmino, saggista e scrittore che ha già relazionato sul testo lo scorso 17 novembre, al Palazzo Mediceo di Ottaviano (Na) e l’instancabile prof.ssa Mariarosaria Casolaro, presenza costante del “Princess Mafalda Tour 2022” e mirabile penna che ha curato la postfazione del romanzo.

A concludere i lavori sarà Grazia Formisano – Presidente di zona 8.

Masullo, in questo libro, dà voce direttamente alla principessa italiana, raccontando dei suoi ultimi “simbolici” sette giorni nel lager KZ Buchenwald, prima della morte, causata dal bombardamento degli alleati alle Officine Gustloff, nella periferia di Weimar, site vicino alla baracca 15 e alla volontaria negligenza sanitaria esercitata dal medico del campo nazista, finalizzata alla morte della principessa Savoia – D’Assia Kassel.

L’Autore, grazie ai racconti dei due sopravvissuti all’Olocausto di nazionalità tedesca e italiana, di cui non ha mai voluto rivelare l’identità, conosciuti per una visita al campo di concentramento di Fossoli, in provincia di Modena nel 2015, è riuscito a ricostruire un pezzo della memoria spirituale e umana della principessa Mafalda di Savoia a cui dona una “voce” per raccontare di sé e di tutto ciò che ha fatto per combattere il nazifascismo in Italia, con l’aiuto del suo fedele amico di sempre, l’allora monsignor Montini che diverrà anni dopo Papa Paolo VI.

Gli ultimi sette giorni della sua vita terrena, per raccontare e comprendere il senso di tutta la sua vita, ridefinendo il ruolo del suo consorte, il principe Filippo D’Assia Kassel, delfino di Hitler e decodificare la fitta relazione fra gli eventi che hanno legato la sua vita a quella della politica italo – tedesca, facendola entrare, inconsapevolmente, nella Storia.

All’evento sarà possibile accedere rispettando tutte le misure vigenti anticovid 19.

Articoli recenti