sabato 26 Novembre 2022
HomeAppuntamentiLa staffetta sui diritti dei bambini domani fa tappa a Sant'Anastasia

La staffetta sui diritti dei bambini domani fa tappa a Sant’Anastasia

Sant’Anastasia, città aperta ai diritti dei bambini. Il viaggio della sesta edizione della «Staffetta sui Diritti 2022» dedicata a Luigi Bellocchio – e propedeutica alla celebrazione del XXXIII anniversario della convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – fa tappa a Sant’Anastasia mercoledì 5 ottobre. Vi prenderà parte l’Istituto Pacioli con la dirigente Rosalba Sorrentino e le docenti Cettina Ossano e Rachele Scognamiglio, i ragazzi del centro «Diversamente Uguali», l’associazione «Ora» con la cooperativa «Chiari Di Bosco» e il presidente del consiglio comunale di San Giorgio a Cremano, Michele Carbone. La staffetta è promossa proprio dalla città di San Giorgio a Cremano con il «Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine» e il comune di Sant’Anastasia rientra tra le tappe del tour, concedendo dunque all’iniziativa il patrocinio morale e favorendo il coinvolgimento degli studenti anastasiani tant’è che anche venerdì 7 ottobre una delegazione di bambini del I e II Istituto Comprensivo, «Tenente Mario De Rosa» e «Leonardo Da Vinci», insieme a dirigenti scolastici e ai docenti, al sindaco Carmine Esposito e agli assessori Cettina Giliberti (Politiche Sociali e Giovanili) e Veria Giordano (Pubblica Istruzione), saranno ospitati, per la tappa di Pomigliano d’Arco, dalle scuole e dal Comune, presentando elaborati sul tema dei diritti dell’infanzia e le «casette» realizzate dai bambini. Il tema della staffetta, «Quando i diritti sono di casa» è fortemente simbolico giacché la casa nasce come spazio della protezione, luogo sicuro. Dunque ogni città e ogni scuola, utilizzando semplici scatole di cartone da imballaggio, potrà costruire delle casette da pitturare e abbellire per caratterizzarle come «promotrici» dei diritti di una città aperta e accogliente e che confidi di essere accolta, nella staffetta, da altre città altrettanto aperte ed accoglienti. I modellini in cartone costituiranno poi il grande «Villaggio dei diritti» atteso venerdì 18 novembre nella tappa finale a San Giorgio a Cremano.
«Quest’anno la convenzione Onu sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza compie trentatré anni – ricorda l’assessore Cettina Giliberti – e non può esservi modo migliore per celebrarlo di una grande manifestazione che prevede condivisione tra ragazzi di varie città, aggregazione, con l’obiettivo di stimolare in loro coscienza civile e consapevolezza. Migliorare la vivibilità di ciascuna città, rendendole a misura di bambino è lo scopo che ogni amministratore serio dovrebbe porsi».

«Siamo contenti che le scuole di Sant’Anastasia abbiano risposto con entusiasmo all’invito di prendere parte alla Staffetta dei Diritti – dice l’assessore Veria Giordano – non si tratta solo di una bella iniziativa ma di una nuova prospettiva, nel riconoscere i bambini ed i ragazzi come interlocutori privilegiati capaci di offrire il proprio punto di vista».

«L’istituto Luca Pacioli – spiega la dirigente scolastica Rosalba Sorrentino – è lieto di partecipare alla Staffetta dei Diritti “Luigi Bellocchio”, il passaggio simbolico di testimone tra diversi istituti scolastici rappresenta un’intensa e significativa occasione di incontro, confronto e promozione dei diritti di cittadinanza».

«Credo che la Staffetta dei Diritti – dice il sindaco Carmine Esposito – sia un’iniziativa straordinaria e siamo felici di prendervi parte. Ogni buon amministratore deve mettere in conto le esigenze dei bambini e dei ragazzi perché una città adatta ai più piccoli è in grado di garantire una migliore qualità di vita a tutti i cittadini».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti