sabato 4 Febbraio 2023
HomeCultura e SpettacoliL’ammore nun’è ammore. Shakespeare "trad(ì)to” al Bellini con Lino Musella di Gomorra

L’ammore nun’è ammore. Shakespeare “trad(ì)to” al Bellini con Lino Musella di Gomorra

NAPOLI. Al Piccolo Bellini Lino Musella di Gomorra interpreta i sonetti di Shakespeare, tradotti in napoletano dal poeta Dario Jacobelli.

Il grande poeta inglese William Shakespeare, pilastro della drammaturgia secentesca, già protagonista della nuova stagione teatrale napoletana con un ciclo di opere dedicate alla sua attività come drammaturgo al Bellini, sarà omaggiato anche al Piccolo sino al 28 novembre, questa volta per la sua attività di poeta, con la rappresentazione di trenta sonetti tradotti da Jacobelli.

Poeta, autore e paroliere oltre ad una ricca attività di collaborazione svolta per la scrittura dei testi per 99 Posse, Bisca, Peppe Barra, Daniele Sepe e numerose sceneggiature cinematografiche, Jacobelli ha dedicato gli ultimi anni della sua vita alla traduzione reinterpretando in chiave napoletana il grande classico della letteratura inglese con i “trenta sonetti traditi e tradotti” pubblicati postumi dalla casa editrice partenopea ad est dell’equatore.

I sonetti sono, per loro natura, battute senza personaggio e, nella traduzione di Jacobelli, quelli del grande drammaturgo ritrovano teatralità. Il suo napoletano attinge da una parte a una lingua teatrale e letteraria, dall’altra a contaminazioni contemporanee che vanno dallo slang al linguaggio di strada. I Sonetti in napoletano suonano bene. Battono di un proprio cuore. Indossano una maschera che li costringe a sollevarsi dal foglio per prendere il volo, tenendo i piedi per terra, così si esprime Musella a proposito della scrittura del fuoriclasse della scena culturale napoletana degli anni ‘70. Il volto noto della serie tv Gomorra oltre che apprezzato attore dell’Hamlet diretto da Andrea Baracco e del Natale in casa Cupiello firmato da Antonio Latella, interpreterà il ruolo di un atipico Bardo per illustrare al pubblico la nuova parola poetica shakespeariana “trad(ì)ta” in lingua napoletana.

 

con Lino Musella

e Marco Vidino (cordofoni e percussioni)

disegno luci Hossein Taheri

produzione Elledieffe

 

in scena:

Napoli, Piccolo Bellini: fino a sabato 28 ottobre (mar-sab ore 21.15-dom ore 18.30)

Caserta, Teatro Civico 14: solo domenica 29 ottobre (ore 19)

durata 55’

 

Una nota di Lino Musella

Dario Jacobelli, poeta napoletano scomparso prematuramente nel 2013, si dedicò negli ultimi anni della sua vita alla traduzione in napoletano e al tradimento, come amava definirlo, di 30 Sonetti di Shakespeare. Non aveva scadenze, non doveva rispettare le indicazioni o correzioni di nessun editore. Per committenti aveva i suoi amici più cari ai quali dedicava ogni sua nuova traduzione. Un legame sottile, autentico e senza alcuna pretesa speculativa lo portava di volta in volta a reinterpretare un altro numero del Bardo. E così nascevano il 55, il 116, il 150… Lo faceva per sé, per riuscire ad ascoltare fino in fondo quello che Shakespeare aveva da dirgli. Come un esercizio spirituale, come un gioco puro. I sonetti sono battute senza personaggio e nella traduzione di Jacobelli il paradosso sta proprio nel restituire una teatralità ai versi del più grande drammaturgo al mondo. Il suo napoletano attinge da una parte a una lingua teatrale e letteraria dall’altra a contaminazioni contemporanee che vanno dallo slang al linguaggio di strada. I Sonetti in napoletano suonano bene. Battono di un proprio cuore. Indossano una maschera che li costringe a sollevarsi dal foglio per prendere il volo, tenendo i piedi per terra.

L’ammore nun’è ammore
30 sonetti di Shakespeare
traditi e tradotti da Dario Jacobelli
con Lino Musella
e Marco Vidino (cordofoni e percussioni)
produzione Elledieffe

 

Teatro Bellini di Napoli

http://www.teatrobellini.it/

Via Conte di Ruvo, 14
80135 – Napoli (NA)
Tel. +39 081.5491266
Fax +39 081.5499656

Orario Botteghino Teatro

Tel. 081.5499688

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Rosa Auriemma
Rosa Auriemmahttps://www.facebook.com/lalingua.langue/?fref=ts
Ha conseguito la laurea triennale in Lettere e Magistrale in Filologia Moderna presso L'università degli studi di Napoli "Federico II" con il massimo dei voti, discutendo una tesi in Storia della lingua italiana su un autore napoletano secentesco. Sin da piccola ha coltivato la passione per la scrittura e il giornalismo. Appassionata di linguistica e dialettologia, per scopi di ricerca ha fondato un blog tematico "La Lingua Langue", corredato da canale youtube al fine di divulgare contenuti multimediali e multiculturali.

Articoli recenti