mercoledì 28 Luglio 2021
HomeCronacaLavoro "nero", sicurezza e igiene: ditte sospese e imprenditori denunciati - foto

Lavoro “nero”, sicurezza e igiene: ditte sospese e imprenditori denunciati – foto

Manodopera clandestina, lavoro a “nero” e assenza sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro e negli alloggi. Controlli dei carabinieri in opifici nel Nolano e Vesuviano.

In 5 appartamenti vivevano 74 bengalesi tra i quali anche bambini. Denunce per reati di sfruttamento di manodopera clandestina e per mancanza di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro.
I carabinieri della Compagnia di Nola, del Gruppo Tutela lavoro di Napoli e i carabinieri forestali di Roccarainola, in collaborazione con personale dell’A.s.l. Napoli 3 sud e dell’I.n.p.s. di Nola questa mattina hanno effettuato diversi controlli per contrastare l’immigrazione clandestina e il lavoro “nero” nonché accertare violazioni alla normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e alla gestione dei rifiuti.

controlli-lavoro- bengalesi cc nola (3)
controlli-lavoro- bengalesi cc nola (3)

Le attività, concentrate particolarmente sugli opifici, hanno portato alla denuncia di 57 cittadini di nazionalità bengalese, 48 dei quali non in regola sul territorio italiano.
A Palma Campania sono stati controllati 4 opifici. I carabinieri hanno riscontrato l’assenza delle protezioni individuali per i lavoratori, impianti elettrici non a norma, scarse condizioni igieniche: due sono stati sospesi. Comminate sanzioni amministrative per 144mila euro, prescrizioni in materia di sicurezza che se non verranno osservate porteranno a sanzioni per 500 mila euro e altre sanzioni per l’impiego di manodopera clandestina per 457mila euro. Denunciati i quattro titolari dei due opifici che avevano impiegato lavoratori stranieri irregolari sul territorio nazionale.

controlli-alloggi-bengalesi cc nola (5)
controlli-alloggi-bengalesi cc nola (5)

A San Gennaro Vesuviano è stata scoperta una situazione di particolare degrado: un intero condominio composto da 5 appartamenti (di 3 o 4 stanze) ospitava 74 cittadini bengalesi, tra i quali bambini in tenera età. Il tutto in condizioni di scarsa igiene dovute a sovraffollamento. Lo stabile è proprietà di una 40enne di Avellino che lo aveva affittato a 5 bengalesi. Questi ultimi, a loro volta, vi avevano fatto alloggiare “a nero” i 74 connazionali.

controlli-ditte-lavoro-bengalesi cc nola (4)
controlli-ditte-lavoro-bengalesi cc nola (4)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti