sabato 25 Giugno 2022
HomeAttualità"Leader per caso", il nuovo libro su Luigi Di Maio di Pasquale...

“Leader per caso”, il nuovo libro su Luigi Di Maio di Pasquale Napolitano

Leader per caso” è il libro a firma di Pasquale Napolitano, giornalista de “Il Giornale”, pubblicato dalla casa editrice Controcorrente. Un ritratto inedito di Luigi Di Maio, il leader che guida dalle elezioni del 4 marzo 2018 il primo partito italiano. Di Maio ha catturato l’attenzione mediatica e la scena politica dando il via, dal giugno 2018 con la nascita del governo Conte I, alla Terza Repubblica.

Aspetti personali e inediti della figura politica, dal suo rapporto con le donne alle trame per scalare il Movimento, il libro firmato dal giornalista politico e autore di numerose inchieste sul M5S e sullo stesso Di Maio svela contraddizioni e curiosità sull’attuale ministro degli Affari Esteri. Napolitano ha seguito negli anni le evoluzioni del Movimento; tra i suoi articoli, infatti, le inchieste che hanno svelato il sistema di potere e lottizzazioni nel Movimento.

“La vicenda politica di Luigi Di Maio – si legge nella presentazione – è racchiusa in uno spazio ancora breve, nel quale la velocità di crociera di fatti e personaggi è stata elevatissima. Abbiamo visto rapidissime ascese e rapidissimi declini, abbiamo visto princìpi che dovevano essere inviolabili e che sono defunti nel giro di un attimo, abbiamo visto grandi successi lanciati verso il futuro e grandi sconfitte che hanno interrotto quel futuro. Luigi Di Maio è il volto più emblematico di questa parentesi frenetica della politica italiana. È il più giovane della storia ogni volta che mette piede in una stanza delle istituzioni, da vicepresidente della Camera, da vicepremier, da ministro degli Esteri. Il più veloce anche a sostenere un principio e poi cambiarlo. Le grandi campagne che hanno portato i Cinque Stelle in Parlamento e poi al governo sono tutte rimangiate e tutte ribaltate, come in un gioco di prestigio nel quale la carta che ti hanno mostrato dopo un attimo è sparita. Le alleanze, il numero dei mandati, e poi la Tav, l’Ilva. Ma Di Maio è un rivoluzionario moderato, un agitatore con l’animo andreottiano. Ed ora che ha assaporato il potere, lavora per conservarlo. A qualsiasi costo”.

Articoli recenti