mercoledì 5 Ottobre 2022
HomePoliticaL'ex sindaco Romano: "Ecco perchè mi candido con De Simone"

L’ex sindaco Romano: “Ecco perchè mi candido con De Simone”

Sant’Anastasia. La sua è una candidatura speciale in una campagna elettorale che il “destino” gli sta negando. Mario Romano il sindaco della “primavera anastasiana” eletto nel 1995 e rimasto in carica per due anni oggi è capolista di “Primavera Anastasiana-Alternativa Possibile” a sostegno del candidato sindaco Antonio De Simone del centrosinistra.

Ha preso parte al comizio di apertura e poi si è dovuto ricoverare in ospedale perché, da qualche anno, sta combattendo contro una malattia. A spiegare le ragioni di questa candidatura ci pensa lui stesso. “Questo è un momento molto difficile per me”, afferma Romano, “Probabilmente nella mia scelta ha contato molto la voglia di dare un appoggio ad una lista che ha la primavera non solo nel logo, ma nella sua stessa composizione, una maggioranza di ragazzi e ragazze molto giovani, che hanno deciso di mettersi in gioco per tentare di ridare dignità alla politica ed alla nostra cittadina. Come molti di voi ricorderanno, sono stato il primo Sindaco eletto a suffragio universale nel 1995. Con un progetto politico chiaro e coraggioso, accompagnato nella mia avventura di allora da una compagine di assessori preparati e soprattutto decisi a realizzare il programma che ci eravamo dati e per il quale eravamo stati eletti. L’opportunismo politico, e gli interessi di qualcuno, prevalsero decretando la fine anticipata della nostra consiliatura. Ma molti dei problemi fondamentali che ci proponevamo di affrontare allora sono rimasti sul tappeto, da qui la scelta di candidarmi al fianco di questi giovani e nello schieramento di centro sinistra, per provare a spingere ancora una volta nel tentativo di rendere la nostra S.Anastasia la cittadina che merita di essere”. Tra i problemi rimasti in sospeso Romano ricorda “la destinazione dell’area Fag a ridosso di uno dei santuari più importanti di Italia, e lo stesso mercato ortofrutticolo, che già viveva grosse difficoltà nel 1995 anche per alcune norme dell’allora legge vigente, immagino che da allora la situazione sia peggiorata”. Per anni, per scelta personale, è rimasto lontano dalla politica “perché nessun uomo è buono per tutte le stagioni”, spiega, “ho cercato nel frattempo di far sentire la mia voce, con lettere e interventi, parlando con i compagni e con gli amici dell’associazione NeAnastasis, come persona che sente il carico della responsabilità che mi deriva dall’aver amministrato la città. Negli ultimi due anni, purtroppo è stata una forzatura legata alla mia situazione personale che mi ha costretto a starmene tranquillo da parte perché lo stress non era sopportabile”. Ora il suo impegno al fianco di De Simone è totale, per questo Romano ci tiene a sottolineare un aspetto che altrimenti potrebbe essere mal interpretato. “Una delle cose che mi preme far sapere agli elettori”, aggiunge l’ex sindaco candidato, “conoscendo l’ambiente politichese anastasiano qualcuno potrebbe pensare che io ho fatto finta di appoggiare De Simone ecco perché non partecipo, mi va di spiegare, anche se non nei dettagli perché molti conoscono la mia situazione personale e non voglio si pensi che intendo marciarci, che nelle mie assenze non c’è nessun risvolto politico, semplicemente non potrò esserci. Però penso sia importante che affianco ad sindaco che tenta di rimettere Sant’Anastasia sulla strada giusta ci sia un sindaco che ci ha provato, e non ci è riuscito, non per colpa sua, possa essere sprone per l’elettorato democratico in un momento in cui tutti abbiamo perso un po’ la bussola”.
DA METROPOLIS DEL 19 MAGGIO

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti