lunedì 22 Luglio 2024
HomeCultura e SpettacoliLino D'Angio e Allan De Luca in "E che teatro!", ilarità e...

Lino D’Angio e Allan De Luca in “E che teatro!”, ilarità e spensieratezza all’Augusteo fino al 1 maggio

Uno spaccato realistico e divertente della Napoli contemporanea. Così, se volessimo dare una definizione, potremmo definire “E che teatro!”, il nuovissimo spettacolo del duo comico composto da Allan De Luca e Lino D’Angio, in scena al teatro Augusteo di Napoli sino a domenica 1 maggio 2022. Lo show, guidato magistralmente dai due front-man, regala al pubblico per circa 150 minuti i personaggi e le caricature tipiche della città partenopea: dall’artista di strada sbalastrato (Pier Macchié), ad un avvenente sciantosa della metà del ‘900 che con la sua “mossa” scalda i bollenti spiriti dei presenti in sala (personaggio interpretato da Elena Vittoria), dal magnifico rettore dell’Università (inventata) “Gennarino II”, il mitico Prof. Amedeo Colella, che con le sue lezioni delizia il pubblico con aneddotti e , racconti, ripercorrendo l’esegesi dei termini dialettali napoletani e risalendo all’origine di alcuni “paraustielli” tipici dell’idioma partenopeo, il barista del locale, Giorgio Gallo Coccobello, che si cimenta in poesie umoristiche e gag esilaranti. Nella finzione scenica, a condurre lo show è una presentatrice eccentrica e narcisista (l’attrice Claudia Federica Petrella) che non perde occasione per mettersi in mostra, entrando in conflitto con l’altra protagonista femminile della scena, la sciantosa, e cimentandosi in un performante travestimento nei panni della indimenticabile Marilyn Monroe. Non mancano i momenti musicali e canori grazie all’esibizione del gruppo Afroblu con la splendida voce di Helen Tesfazghi e Roberto D’Aquino al basso, Paolo Sessa alle tastiere, Paolo Forlini alle percussioni, Maurizio Fiordiliso alle chitarre. A completare il cast artistico vi sono Ciro Salatino nei panni di un trapper dal nome “Spera EbBasta” e Morena Chiara nei panni di una turista brasiliana in visita in città. E poi ci sono loro, Lino D’Angio e Allan De Luca, due pietre miliari del teatro napoletano con i loro più celebri successi, dalle imitazioni dei sindaci succedutesi a Napoli negli anni da parte del primo e un omaggio a tre grandi artisti napoletani come Edoardo De Filippo, Massimo Troisi e Pino Daniele, all’imitazione di un sindaco sui generis di un piccolo paesino napoletano e alla macchietta della tammurriata napoletana stile maestro Peppe Barra del secondo. Lo spettacolo, nato come trasmissione televisiva durante il periodo del lockdown e del coprifuoco, (veniva registrato al teatro Lendi di S. Arpino e trasmesso sull’emittente regionale Televomero), si è trasferito sulle tavole del palcoscenico in una versione del tutto nuova e originale. I due atti, della durata di circa 70 minuti ciascuno, scorrono via veloci offrendo al pubblico momenti di spensieratezza e comicità sui temi più attuali, dal covid alla politica locale.

Sostieni la Provinciaonline

Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permettete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi. Clicca qui e aiutaci ad informare ⬇️.

Saverio Falco
Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti

Rubriche