domenica 5 Dicembre 2021
HomeCronacaLite finisce a colpi di spada, denunciato 61enne cinese a Napoli

Lite finisce a colpi di spada, denunciato 61enne cinese a Napoli

Napoli. Zona industriale: aggredisce un uomo con una spada. Denunciato.

Stanotte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Brecce a San Erasmo per la segnalazione di una lite tra due persone.
I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato personale del 118 che stava soccorrendo un uomo il quale ha raccontato di essere stato aggredito con una spada da un suo inquilino per futili motivi.  Gli operatori hanno bloccato l’aggressore ed hanno rinvenuto, all’interno di uno stabile in via Galileo Ferraris, l’arma con la lama della lunghezza di 29 cm.
Un 61enne cinese è stato denunciato per lesioni personali aggravate.

Leggi anche

Napoli-Venezia, scavalcano nella curva B; daspo per 8 persone

Circumvesuviana: scontro azienda e sindacati. Altre corse soppresse

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti