martedì 21 Settembre 2021
HomePoliticaM5S: “Rsa Portici, da due anni assistenza negata a decine di anziani...

M5S: “Rsa Portici, da due anni assistenza negata a decine di anziani e malati cronici”

Il consigliere regionale Cirillo e il consigliere comunale Caramiello: “Chiusa dopo crollo del solaio, la struttura ancora inspiegabilmente inagibile”

Portici. “A due anni dal crollo del solaio della sede di Portici della Residenza sanitaria assistenziale, la struttura di via Gradoni è ancora chiusa, privando la comunità di un servizio fondamentale per la cura di persone malate di Alzheimer o comunque non autonome e non deambulanti. Una storia di assistenza negata, soprattutto in una fase di crisi sociale ed economica effetto dell’emergenza pandemica, che ha depotenziato la capacità delle famiglie di farsi carico dell’assistenza di parenti affetti da patologie croniche degenerative, la cui incidenza è in progressivo aumento. Una criticità particolarmente sentita nel distretto della Asl Napoli 3 Sud, tenuto conto che nella Rsa di Portici, che al momento della chiusura ospitava 35 pazienti, erano stati trasferiti cittadini bisognosi di assistenza provenienti da Torre del Greco, dove la struttura era inagibile a causa dei lavori di messa in sicurezza e adeguamento strutturale”. È quanto denunciano il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Cirillo, che sulla vicenda ha presentato un’interrogazione alla giunta regionale della Campania, e il consigliere comunale M5S di Portici Alessandro Caramiello.

“Siamo al fianco dei familiari dei pazienti – sottolineano Cirillo e Caramiello – che si sono costituiti in un comitato e con i quali continueremo batterci perché sia ripristinata l’assistenza a decine di pazienti bisognosi di cure e sia garantito loro il sacrosanto diritto alla salute. La Regione ha il dovere di informare i cittadini del perché di una chiusura così prolungata e quali sono i tempi perché la struttura sia resa nuovamente fruibile”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti