sabato 1 Ottobre 2022
HomeCultura e SpettacoliAl Madre, Paleocontemporanea Giovani

Al Madre, Paleocontemporanea Giovani

NAPOLI. Paleocontemporanea Giovani, presentazione del catalogo e premiazione della prima edizione della mostra-evento che mescola arte antica e moderna.

Lunedì 14 aprile alle ore 19.00, presso il museo Madre, alla presenza del direttore del museo di Capodimonte Linda Martino, del decano della chiesa Luterana in Italia Holgher Milkau, del direttore dell’Osservatorio Astronomico Massimo Della Valle, del direttore delle Catacombe di Napoli don Antonio Loffredo, del presidente della Fondazione Donnaregina Pierpaolo Forte, del direttore del museo Madre Andrea Viliani e del direttore dell’Accademia di Bell Arti di Napoli Aurora Spinosa,sarà presentato il catalogo della I edizione di “Paleocontemporanea  – Elementi di trascendenza nell’arte dall’antichità al presente”, edito da arte’m.

La mostra/evento, che ha registrato un incremento di oltre 10mila visitatori nei siti coinvolti rispetto allo scorso anno, è stata promossa dalla cooperativa La Paranza e dall’associazione Essearte e ha coinvolto oltre 60 artisti in 4 location diverse della città permettendo la promozione, lo sviluppo e la fruibilità dell’arte e favorendo la contaminazione tra arte antica (PALEO) e moderna (CONTEMPORANEA).

L’evento sarà anche l’occasione per consegnare al vincitore della prima edizione della rassegna, il giovanissimo Simone Frattini  classe 1991, autore dell’opera  P.V.”plus ultra”, il premio di tremila euro messo a disposizione dalla nascente Fondazione San Gennaro. Durante la serata sarà, inoltre, presentato il calendario di eventi che animeranno la collina di Capodimonte fino al periodo estivo.

COS’E’ PALEOCONTEMPORANEA

Paleocontemporanea 2013 è una rassegna artistica che, per la sua prima edizione, ha scelto come tema “Elementi di trascendenza nell’arte dall’antico al presente”, ispirandosi all’Anno della Fede. La mostra, a cura di Holger Milkau, decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia, ha contato 60 artisti contemporanei e si è articolata in un’esposizione che ha coinvolto  4 siti prestigiosi che collegano la collina di Capodimonte alla città. In ognuno dei quattro siti coinvolti è stata evidente la contaminazione contemporanea che ha permesso agli artisti di porsi in contrasto e, nello stesso tempo, in dialogo con la storia e l’arte del passato, offrendo al visitatore una panoramica artistica simultanea inconsueta tra opere antiche e contemporanee, seguendo il filo conduttore della trascendenza.

I LUOGHI DI PALEOCONTEMPORANEA

Il principale nucleo espositivo è stato quello delle Catacombe di San Gennaro, degli ipogei soprastanti e della Basilica di San Gennaro extramoenia, che hanno ospitato più di cinquanta artisti tra pittori, scultori, fotografi e multimediali.

Il Museo di Capodimonte si è inserito nel percorso della rassegna “Paleocontemporanea” mettendo a confronto, per l’occasione, gli oggetti d’arte collezionati dal Cardinale Stefano Borgia alla fine del Settecento con l’opera  “site-specific” dell’artista Nino Longobardi “Due dei sette nani e altre storie”, secondo una  tradizione ormai consolidata.

Il Museo Archeologico e il Servizio Educativo hanno accolto con enorme favore la possibilità di collaborare a un’iniziativa che ha coinvolto in un progetto unitario più entità prestigiose. Lo hanno fatto sia offrendo un percorso tematico, breve, ma denso e significativo, sui reperti dai larari dell’area vesuviana, sia ospitando ancora una volta un artista – in questo caso Gerardo Di Fiore – interessato a riflettere e inventare partendo delle cospicue e magnifiche tracce del nostro patrimonio di antichità.

L’Osservatorio Astronomico di Capodimonte si è inserito nel circuito espositivo mettendo a disposizione i suoi spazi per una rassegna dedicata alla video arte e per ospitare la mostra dei dieci finalisti del concorso Paleocontemporanea.

Non ultimo per importanza, il contributo dell’Aeroporto di Capodichino che ha ospitato nei suoi spazi il monolite simbolo della rassegna e l’opera “One” di Christian Leperino.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti