giovedì 29 Settembre 2022
HomeAttualitàMaltempo, Massa, cimitero inagibile. Danni a Cercola e Pollena (Gallery)

Maltempo, Massa, cimitero inagibile. Danni a Cercola e Pollena (Gallery)

MASSA DI SOMMA. I disastri del maltempo: un lunedì nero. Tre cipressi di circa 20 metri di altezza sono crollati a seguito della bomba d’acqua che si è abbattuta sul Vesuviano, ieri pomeriggio, all’interno del cimitero consortile dei Comuni di Cercola, Massa di Somma e San Sebastiano al Vesuvio. A Cercola pini crollati sulle terrazze delle abitazioni in via Tenente Barone e a Pollena Trocchia un intero gazebo è stato sollevato e scaraventato in strada in via Cavour durante il nubifragio.

Da questa mattina partirà l’ordinanza sindacale del primo cittadino massese Antonio Zeno di chiusura del Camposanto fino al ripristino dei luoghi. Da una prima stima si valutano danni non inferiori a 50mila euro.

A Cercola tantissimi i disagi al territorio e alle persone a seguito della “bomba d’acqua” che si è abbattuta nell’area vesuviana nel primo pomeriggio. Dieci minuti, un quarto d’ora al massimo, tanto è durato il potente nubifragio ma ha lasciato il segno.

Diversi pini secolari sono stati abbattuti dal vento e dalla pioggia, crollati sulla strada e sulle auto in sosta in via Tenente Barone, dove un alto arbusto è crollato sul balcone di un’abitazione: sul posto vigili del fuoco e i volontari della Protezione civile. Sul corso Riccardi, all’interno di una palazzina è venuto giù un balcone: chiuso il transito in centro per diverse ore.


“Per fortuna non abbiamo persone ferite – dice il sindaco di Cercola, Vincenzo Fiengo – le auto erano tutte parcheggiate ma vorrei lanciare un appello ai cittadini affinchè restino a casa se non è strettamente necessario e attendere che questa ondata di maltempo passi. L’allerta meteo della Protezione civile – prosegue il primo cittadino – purtroppo è ancora attiva e siamo in piena emergenza”.

Il sindaco Fiengo con il gruppo comunle dei volontari della Protezione civile hanno pattugliato l’intero territorio per effettuare una prima verifica dei danni causati dal maltempo. Non solo gli alberi anche diverse guaine sono volate via dai tetti di alcune abitazioni. Messi in sicurezza anche alcuni tralicci dell’alta tensione.
All’ufficio postale lungo il corso Riccardi decine e decine di utenti sono letteralemte rimasti bloccate: impossibile mettere piede fuori la strada del tutto allagata, anche per le auto era difficile il transito. L’ufficio postale cercolese si trova in un seminterrato e con il potente nubifragio sono bastati pochi minuti per restarne bloccati. Oggi, inoltre, gli sportelli, di banche e uffici postali, erano particolarmente affollati a causa della scadenza per il pagamento delle tasse. Un lunedì nero per il versamento delle imposte, tra saldi 2013 e acconti 2014, tra l’altro tutte concentrate in un solo giorno, aggravato dai disagi del maltempo che ha fatto il resto.

Nel vicino Comune di Pollena Trocchia un gazebo ha fatto capolino in piena carreggiata. Il vento lo ha sollevato da un giardino di un’abitazione privata in via Cavour e lo ha scaraventato in strada. Per fortuna senza danni alle persone.

 

 

fonte di Patrizia Panico da Il Mattino Online

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti