venerdì 3 Febbraio 2023
HomeEconomiaMarchiello, al via nuovo sportello per i bond dalla Regione Campania

Marchiello, al via nuovo sportello per i bond dalla Regione Campania

Imprese, Marchiello: “Al via nuovo sportello per i bond e 100 milioni dalla Regione Campania per fronteggiare il caro bollette”

Filippelli: “Sostenibilità è obiettivo di crescita, ricerca e sperimentazione

Gagliardi (Commercialisti): “Accompagniamo le aziende nel processo di trasformazione per cogliere le nuove opportunità”

 

NAPOLI – “Abbiamo appena pubblicato il nuovo bando sui bond il cui sportello aprirà il prossimo 16 novembre. Accanto a questa misura la Regione Campania scende in campo per sostenere le produzioni del nostro territorio, ivi comprese quelle del settore della moda, inserendo nel Piano economico e sociale un fondo di 100 milioni di euro per il sostegno a imprese e famiglie per fronteggiare il caro delle bollette energetiche il cui sportello aprirà il prossimo 4 novembre”. Lo ha annunciato Antonio Marchiello, assessore alle attività produttive della Regione Campania, nel corso del convegno “Sostenibilità nella moda: da vincolo a opportunità” organizzato dall’Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili di Napoli, presieduto da Eraldo Turi, che si è svolto presso la sede dell’Odcec a piazza dei Martiri.

“Abbiamo dato il via inoltre al bando per le comunità energetiche nei piccoli comuni per produrre energia pulita e rinnovabile – ha proseguito Marchiello – e a un bando di 200 milioni per la crescita del territorio con oltre duemila aziende coinvolte. Stiamo mettendo in campo tutte le risorse per essere vicino alle imprese per mantenere i livelli occupazionali in un momento particolarmente difficile per cittadini e imprese”. Sulla necessità di una riconversione del settore all’insegna della sostenibilità si è espressa Armida Filippelli, assessore regionale alla Formazione: “Il Pnrr ci ha indicato che la sostenibilità ambientale e la transizione green sono obiettivi strategici da cogliere. Il mondo della moda vale circa 1500 miliardi e produce 1 miliardo di vestiti con un impatto forte sul Pianeta. La sostenibilità deve essere un obiettivo di crescita, ricerca e sperimentazione e la Regione sostiene tutte le aziende che vogliono intraprendere questo percorso innovativo”.

Il ruolo dei commercialisti è stato sottolineato da Maria Cristina Gagliardi, consigliere delegato della Commissione moda e spettacoli dell’Odcec di Napoli: “Stiamo assistendo a un processo di trasformazione del comparto moda con nuovi obiettivi per produzioni sempre più sostenibili. Tutte le imprese devono attenersi alle nuove regole UE che impongono lo stop al fast fashion, con prodotti che devono essere di qualità, riciclabili, duraturi e nel rispetto della natura, per ridurre l’impatto dell’inquinamento e della produzione di co2. I professionisti devono accompagnare le aziende in questo processo di trasformazione e per cogliere le tante opportunità offerte per la riconversione”.

Tema trattato anche da Ornella Fratta, presidente della Commissione moda e spettacoli dell’Odcec Napoli: “Il convegno odierno si basa sul fatto che come professionisti dobbiamo coadiuvare le aziende nella scelta consapevole della sostenibilità. Una skill operativa differente dove non solo si parla di profitti e perdite ma si guarda anche dal punto di vista della sostenibilità e dell’ambiente seguendo le indicazioni che l’UE ci ha dato fino al 2026”.

All’appello dei commercialisti partenopei hanno risposto le imprese come testimonia Bianca Imbembo (Ceo Kilesa): “Ecosostenibilità è la nuova parola chiave. La responsabilità sociale dovrà promuovere un circolo virtuoso che accompagna le aziende fin dalla fase del design, della produzione, della distribuzione fino al consumatore finale che dovrà essere istruito per effettuare acquisti consapevoli”.

Tra gli strumenti offerti per procedere alla riconversione anche il ‘Fondo Cresci al Sud’ di Invitalia, illustrato dal responsabile Antonio Riccio: “Uno strumento che nasce per la crescita delle imprese. Se per sostenibilità intendiamo il rispetto delle Esg, noi facciamo molta attenzione per diffondere questa cultura allargata attraverso assestment specifici per capire se le imprese sono in grado di rispettare questi parametri. Questo strumento è dedicato al Sud dove la moda è un settore importante. Siamo alla ricerca continua di aziende nelle quali investire e sostenere per la loro crescita dimensionale”.

 

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti