venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaMarigliano. Puc, le accuse al sindaco Carpino: "Solo bugie"

Marigliano. Puc, le accuse al sindaco Carpino: “Solo bugie”

MARIGLIANO. Dopo le promesse elettorali di un PUC a vani zero, ci è stata presentata la più grande speculazione edilizia degli ultimi trent’anni, senza consultarci e promettendoci partecipazione e condivisione  nella fase delle osservazioni.

Puc manifesto marigliano
Puc manifesto marigliano

SOLO BUGIE: ben 374 osservazioni presentate dai cittadini sono state respinte senza alcun valido motivo, tradendo la fiducia di quanti, anche sacrificandosi economicamente (pure i bolli, sic!), avevano invano atteso questo momento per correggere i tanti strafalcioni contenuti nel PUC disegnato dagli illustri urbanisti.

Una sola osservazione al PUC è stata accolta, e guarda caso è proprio quella della stessa maggioranza che lo ha proposto e adottato. In questa osservazione, complice una ritrovata sensibilità ambientalista, la maggioranza chiede la rielaborazione del PUC per ridurre la colata di cemento da 2500 a ben 1900 case. Cioè nulla!

Garantire una nuova fase di ascolto un attimo dopo aver bocciato tutte le 374 osservazioni presentate dai cittadini che invece, anche accolte parzialmente, potevano essere considerate come base per quella rielaborazione del PUC oggi tanto sbandierata, EVIDENZIA tutta l’inadeguatezza del Sindaco e dei suoi sodali.

Insomma il solito pasticcio già costato ai cittadini fiduciosi della ”volta buona”  circa 80.000 mila euro  più 374 bolli

Bugie, infingimenti, procedure fantasiose, confusione  tecnica, culturale e politica per coprire un totale FALLIMENTO, annunciato fin dall’inizio dall’opposizione e confermato da comitati e associazioni.

Confidando che il tutto non si concluda con l’ennesimo “monologo” via facebook, ma con un atto di responsabilità verso la città che passi necessariamente attraverso il ritiro di questo PUC voluto solo dai palazzinari!

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti