martedì 18 Gennaio 2022
HomeCultura e Spettacoli"Mio cugino", il film girato a Somma con un cast d'eccezione

“Mio cugino”, il film girato a Somma con un cast d’eccezione

SOMMA VESUVIANA. Pochi minuti, un corto, ma vivi, pieni di storia, dialoghi intensi e recitati da attori d’eccezione. Gli ingredienti salienti del film “Mio cugino” del regista sommese, Raffaele Ceriello.

Nel corto recitano attori come Adriano Pantaleo, Antonio Buonomo, Massimiliano Rossi,
Loredana Simioli, il cui curriculum artistico spazia dal Festival di Cannes a successi televisivi di fama internazionale, passando per registi come John Turturro, Lina Wertmüller, Matteo Garrone.

E allora è l’occasione per fare due chiacchiere virtuali con il giovane regista.
Come nasce il film?

“L’ho pensato sui due personaggi principali: quello di Saverio Cirillo e di Gennaro. Il primo è uno pseudo imprenditore del vesuviano che ha le ‘mani in pasta’ anche a livello politico e poi c’è questo ragazzo che ha sbagliato un po’ di cose nella vita. Volevo capire soprattutto cosa noi legittimiamo, a partire dall’uomo manager che però imbroglia o il ragazzo che ha sbagliato e vuole cambiare. Il legame di famiglia è poi il punto cardine della storia. Mio cugino, il titolo, non si riferisce a nessun personaggio in particolare, ognuno può essere cugino dell’altro, ma fa capire come il legame di famiglia in alcuni contesti nel Napoletano può essere, a volte, molto pericoloso”

Attori d’eccezione, cast con attori che hanno ottenuto riconoscimenti nazionali e non solo, giovani interpreti che calcano da anni le scene, come esordio non c’è male.

“Ho avuto modo di pensare agli attori che volevo già in fase di scrittura, ed ho avuto la fortuna di poterli avere, contattarli, proporre un progetto e lavorarci insieme, limitando i costi di spesa. Il primo è stato Adriano Pantaleo, poi Massimiliano Rossi, in auge con il personaggio di Zecchinetta in Gomorra e poi scelto altri. Loro hanno apprezzato il mio linguaggio di scrittura e la mia faccia tosta di averli voluti fermamente. Quando poi ho sconosciuto Loredana, era previsto che il suo personaggio facesse una scena di sesso, lei mi disse che questo ruolo le piaceva molto, ci vedeva un po’ di De Filippo, e già questo mi emozionò però, mi disse, la scena di sesso non se la sentiva di farla e che non mi dovevo offendere, ma neanche con Matteo aveva voluto girarla. Quando dopo ho pensato che il Matteo di cui parlava era Garrone, con cui è stata a Cannes, un po’ ho sorriso e po’ mi tremavano le game. Ho avuto un cast d’eccezione, ma anche i tecnici a partire dall’assistente alla regia Maddalena Panico, anche lei bravissima e di Somma come me. Fondamentale e preziosa sul set, con lei un bravissimo direttore della fotografia, due ottimi scenografi.
Le musiche poi, ho voluto usare pezzi in francese di un gruppo di Torre del Greco e poi quelli di un rapper francese che vive a Napoli. Non volevo contestualizzarlo troppo come napoletano, volevo dargli un respiro più ampio”.

C’è voluto molto tempo per realizzarlo?

“Abbiamo preparato tutto quello che occorreva ad ottobre e abbiamo girato ad inizio febbraio. Girato in tre giorni, lo abbiamo girato a Somma ottenendo un permesso dalle Poste per usare l’ufficio postale, ed è stato gentilissimo il direttore. Altre scene in esterna sono state effettuate a via Milano, e poi una traversa di via Palermo scena finale del Corto”.

In quali circuiti sta “girando” il suo progetto?

“Soprattutto rassegne, ed il 30 marzo alle 21 sarò proprio a Somma, al teatro Summarte. Ma lo stanno proiettando anche in alcuni Festival, che ritengo un’arma a doppio taglio, perchè prediligono produzioni grosse e che vengono da Paesi predisposti al Corto come la Francia e il Belgio. Tanto che sono finito tra i finalisti in diverse occasioni, ma poi difficilmente il mio diventa il film da proiettare”.

La curiosità maggiore che hanno gli spettatori dopo averlo visto, cosa le chiedono di più?

“Quando mi fai fare la comparsa, poi mi domandano come ho fatto ad avere quel cast.
Tutti mi chiedono dopo che succede. In realtà non l’ho scritto cosa accade, anche perchè la storia potrebbe concludersi in modo diverso. Ho lasciato quindi tutto aperto, chissà magari se ci fosse opportunità di fare un lungo”.

Un sogno nel cassetto?

“Quello di lavorare un giorno con Toni Servillo”
“Mio cugino”
scritto e diretto da Raffaele Ceriello
con:
Adriano Pantaleo,
Antonio Buonomo, Massimiliano Rossi,
Antonio Clemente, Irene Grasso
e con la partecipazione di:
Loredana Simioli

Prodotto da Raffaele Ceriello per Les enfants rouges
Fotografia Antonio De Rosa
Montaggio Federico Gravina
Fonico Luca Ranieri
Aiuto Regia Maddalena Panico
Scenografia Dino Balzano/Alessandra Di Santo
Costumi Teresa Papa
Trucco Rosa Falco
Colorist Ciro Ascione
Music E. Ammendola – El Ghor – MDDPO – Thieuf – F.Mesrine
Macchinista Ciro Rutigliano
Ass. fotografia Giuseppe De Muro
Fx Domenico Giampaglia
Post audio Giorgio Molfini
Seg. edizione Pina Iervolino
Organizzazione Giovanna Crispino
Dir. Produzione Serena Bracuti Monaco
Foto di scena Angela Sodano
Runner Mario Rotili

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti